Venerdì, 07 Ottobre 2016 14:08

Teatro Marconi. “Tempo binario”. Applausi agli ex detenuti-attori

Scritto da

ROMA - Che piacere essere sorpresi dal teatro. Essere raggiunti da parole capaci di suscitare fantasie immaginifiche che per una alchimia propria della parola diventano più reali dello stesso vissuto. Questo accade al teatro Marconi grazie a una messa scena sorprendente quanto semplice. Grazie a degli attori improvvisati che sul palco si trasformano in straordinari interpreti in grado di dare vita a un testo che diviene “vita” non recitazione.

 Il monologo iniziale lascia basiti, commuove, picchia duro, fa male ma regala anche carezze. Ci indica la strada da seguire nella vita, quale essa sia, senza ergersi a maestro. “L’intera città e i giardini emersero da quella tazza di tè”. Perché ogni oggetto che ci circonda ha in sé la più profonda felicità, quella immotivata, che ci coglie all’improvviso e che dovremmo tenere con noi a ogni costo.

Questo continuano a sussurrare dal palco gli ex detenuti e i detenuti in misura alternativa della C.C. ROMA REBIBBIA N.C.: Alessandro Bernardini, Christian Cavorso, Massimo Di Stefano, Marcello Fonte, Ivan Marcantoni, Romolo Napolitano, Piero Piccinin, Giancarlo Porcacchia, Fabio Rizzuto.

Grazie all’autrice e regista Valentina Esposito il cui merito più grande è quello di aver creduto in questo progetto e questi straordinari attori in grado di dare una lezione di recitazione agli attori più blasonati del nostro teatro. Si ride. Si riflette. Ci si commuove. È un prendersi per mano vicendevolmente per fare insieme questo viaggio nell’anima attraverso l’esplorazione dei meccanismi della memoria, la riflessione sull’infanzia dimenticata, la percezione interiore del tempo in relazione all’idea della morte, il viaggio come metafora dell’esistenza. Tra biografia e invenzione, lo spettacolo riflette su alcune fra le pagine più famose de Il tempo ritrovato di Proust, una forma di teatro sociale che costituisce per gli interpreti e gli spettatori uno strumento di rielaborazione emotiva e intellettuale dei nodi fondamentali che caratterizzano l’esistenza. Una messa in scena e una compagnia che meritano un applauso senza fine.

Fort Apache Teatro presenta

TEMPO BINARIO

il 6 e 7 ottobre 2016


TEATRO MARCONI 

viale Guglielmo Marconi 698e

il 6 e 7 ottobre 2016

Ore 21,00 

Biglietto Unico: 10.00

 HYPERLINK "http://www.teatromarconi.it/"www.teatromarconi.it -  HYPERLINK "mailto:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel 06 59.43.554

Ufficio Stampa Teatro Marconi

Rocchina Ceglia 

cell. 346.47.83.266   

mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]