Giovedì, 10 Novembre 2016 08:33

“Agnus Dei” rappresenta la Francia agli Oscar. Recensione

Scritto da

Polonia, 1945. Matilde (Lou De Laage) una giovane dottoressa francese della Croce Rossa, è in missione per assistere i sopravvissuti della seconda guerra mondiale.

Quando una suora arriva da lei in cerca di aiuto, Matilde viene portata in un convento, dove alcune sorelle incinte, vittime della barbarie dei soldati sovietici, vengono tenute nascoste. Nella incapacità di conciliare fede e gravidanza le suore si rivolgono a Matilde, che diventa la loro unica speranza.

Nella sinossi ufficiale del film bisogna porre attenzione a un punto che viene sviluppato con sensibilità dalla regista  Anne Fontaine (autrice di film come Emma Bovery e Two Mothers), ossia l’incapacità delle suore di conciliare fede e gravidanza. Il film quindi parte come denuncia degli orrori commessi durante il secondo conflitto mondiale, orrori purtroppo ancora attuali,  ma è solo lo spunto per focalizzare l’attenzione  contro una Chiesa che non tutela affatto le donne. Donne, suore, che si limita a tollerare fino al momento in cui queste si macchiano dell’orrore dello stupro subìto e dello stigma del concepimemento. Se da una parte può apparire comprensibile l’incompatibilità di una gravidanza con il “velo”, dall’altra bisogna ricordare che le donne di Chiesa dovrebbero essere tutelate e assistite in questo percorso anche se effettuato fuori dalle Congregazioni, non certo gettate via come carta straccia o ancor peggio colpevolizzate fino a spingerle al suicidio. Le suore, che hanno in sé un bambino e hanno subìto una violenza atroce, vengono fatte sentire sporche, indegne, disonorate, feticci che offendono il Dio “maschio” al quale hanno fatto voto di castità e fedeltà. Questo sembra dire la Chiesa, attraverso le sue azioni e non-azioni, maschilista e misogina nella negazione di ogni principio di amore, comprensione e accoglienza. Agnus Dei, che ha debuttato al Sundance in selezione ufficiale, rappresenterà la Francia agli Oscar.

AGNUS DEI 

DATA USCITA: 17 novembre 2016

GENERE: Drammatico

ANNO: 2016

REGIA: Anne Fontaine

ATTORI: Lou de Laâge, Agata Buzek, Agata Kulesza, Vincent Macaigne, Joanna Kulig

SCENEGGIATURA: Sabrina B. Karine, Alice Vial

FOTOGRAFIA: Caroline Champetier

MONTAGGIO: Annette Dutertre

MUSICHE: Grégoire Hetzel

PRODUZIONE: Mandarin Films, Aeroplan Film, Mars Films

DISTRIBUZIONE: Good Films

PAESE: Francia, Polonia

Agnus Dei - Trailer

 

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Malinconia

Come fiocco di neve inatteso... La malinconia cade dentro la finestra.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Capitana oh mia Capitana

Quando un giorno sentiremo cantare le onde del mare. Vedremo nella sua profondità le storie di vita di chi lo ha attraversato. 

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]