Sabato, 04 Marzo 2017 16:11

Teatro Marconi. “Aspettando Godot”, classico in cui specchiarsi. Recensione

Scritto da

ROMA - Bello. Amaramente bello. A tratti comico. Beckett ci incolla alla poltrona, trasforma ogni spettatore in protagonista, irride le masse plaudenti rendendole coscienti del loro precario equilibrio mentale perché sul palco non c’è solo Estragone e Vladimiro ma ci siamo noi.

Ci poniamo le stesse domande dei protagonisti, ridiamo di noi stessi, cerchiamo di rendere meno ineluttabile la vita attraverso lo scherno, torniamo seriosi e riflettiamo perché solo così si può eludere la follia dell’attesa, delle domande sul perché siamo nati, perché esistiamo, per aspettare cosa o chi?

Felice della Corte e Pietro De Silva  rendono egregiamente ogni sfumatura emotiva dei due protagonisti, i barboni Estragone e Vladimiro. Felice Della Corte, con la sua napoletanità, veste l’ironia di Beckett con abiti nuovi, costruendo un personaggio pluridimensionale pur nella sua inamovibilità mentre Pietro De Silva è il perfetto contrappunto con la sua dilagante parola in cui l’attesa diventa angoscia fino al punto da risultare surreale e comica. Estragone e Vladimiro si chiudono volontariamente in gabbia, la gabbia dell’attesa di chi mai arriverà. Riflettono, sviscerano profonde problematiche esistenziali ma sempre con la leggerezza, la spontaneità e l’involontaria comicità dell’uomo comune, non a caso sono due barboni. 

Ad arricchire la scena ci sono Pozzo (Riccardo Barbera),un ricco possidente che porta legato a una corda il suo servitore Lucky (Roberto Serpi). Pozzo è cinico, disilluso, sprezzante e se in un primo momento appare spregevole per il modo in cui tratta il suo schiavo Lucky, una volta appreso che lo schiavo è tale per una sua decisione, Pozzo assume sembianze più umane. È il volto di Pozzo/Riccardo Barbera a parlare ancora prima della sua voce, con un’interpretazione che incarna alla perfezione l’assurdità della condizione umana, mentre per Lucky è il contrario, la voce risulta essere confortante, un abbraccio che scalda e che evoca  momenti gradevoli, spensierati. Una voce che porta con sé più di quarant’anni di cinema, con la grazia che da sempre accompagna questo straordinario attore.L’attesa dei due protagonisti continua fino a sera, quando compare un ragazzo (Francesca Cannizzo) con un messaggio di Godot: "Godot non verrà questa sera, ma di sicuro domani". Sembra che quell’inferno in terra possa terminare, ma così non è perché il secondo atto  continua come il primo. La volontà di andare via lascia il passo all’immobilità dalla quale i due non riescono a fuggire.  Una menzione meritano la scenografia, sognante e metafisica e le musiche di Massimiliano Pace, capaci di restare indelebili nella memoria.

Aspettando Godot

Di Samuel Beckett

dal 2 al 12 marzo 2017

Con Pietro de Silva, Felice Della Corte, Riccardo Barbera, Roberto Della Casa, Francesca Cannizzo

Regia Claudio Boccaccini

Luci e fonica Alessandro Pezza

Costumi Lucia Mirabilie

Aiuto regia Marzia Verdecchi

Grafica Giorgia Guarnieri

Albero realizzato da Danilo Ciancolini

Musiche originali di Massimiliano Pace

Teatro Marconi

viale Marconi 698 E

Dal martedì al sabato h21.00

domenica e mercoledì ore 17.30 

www.teatromarconi.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel 06 59.43.544 

Ufficio stampa 

Rocchina Ceglia 3464783266 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio promozione

Andrea Alessio Cavarretta 3405248027 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]