Giovedì, 28 Dicembre 2017 10:10

“Tre manifesti a Ebbing. Missouri”: pluripremiata parodia dell’eroe vendicatore. Recensione

Scritto da

Pochi film sorprendono, spesso si raccolgono in generi prevedibili dall’inizio. Tale appare sulle prime “Tre manifesti a Ebbing. Missouri” che racconta di Mildred (la bravissima Nancy McDormand), madre di una figlia violentata e uccisa, da colpevoli di cui da tempo non si sa più niente.

Mildred, esasperata, decide di sollecitare le forze dell’ordine a riaprire le indagini e, per far ciò, all’entrata di Ebbing, nel profondo Missouri dove vive, pone tre grandi manifesti pubblicitari che interrogano lo sceriffo sullo stato delle ricerche. Una chiara sfida alle autorità, che riuscirà a far riaprire il caso, non prima di aver dato luogo a una lotta serrata tra la donna e la polizia; in particolare tra lei e il vicecapo del distretto, razzista convinto e sleale che predilige maniere così pesanti da trasformare in un corpo a corpo il duello tra la madre e gli agenti.  Storia abusata insomma di battaglia per farsi giustizia da sé, dove l’istituzione è l’avversario. Il regista, Martin MacDonagh, tiene alta la suspense e sembra confezionare un film di genere, tecnicamente ben fatto e interpretato da grandi attori. Nulla di nuovo.

Man mano che la storia si snoda, invece, si resta colpiti dalle battute esilaranti, dalle scene di aggressività paradossali e ripetute, che imprimono una svolta sui generis alla pellicola diventando parodia di grande intelligenza, grazie alla brillante sceneggiatura che destruttura il filone cui appartiene e coniuga la capacità di intrattenere con quella di far riflettere sulla rabbia vendicativa, la vulnerabilità di ciascuno, l’egoismo sociale e l’inutilità della violenza. Temi tanto più controcorrente in un’America culturalmente votata al libero commercio delle armi.  “Tre manifesti a Ebbing. Missouri”, prende in giro il cinema che fa apologia dell’animus vendicatore, terminando con un finale - per ovvie ragioni qui non lo rivelo - che lo fa volare alto e rende meritati i riconoscimenti ricevuti a Venezia e le candidature all’Oscar.

  • DATA USCITA: 11 gennaio 2018
  • GENERE: Commedia nera 
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Martin McDonagh
  • ATTORI: Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Peter Dinklage, John Hawkes, Abbie Cornish, Caleb Landry Jones, Lucas Hedges, Kerry Condon, Zeljko Ivanek, Amanda Warren
  • PAESE: USA
  • DURATA: 115 Min
  • DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox

Tre manifesti a Ebbing. Missouri - Trailer

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

NanoInnovation: a Roma si confrontano i massimi esponenti delle nanotecnologie

La terza edizione dall’11 al 14 settembre presso la sede della Facoltà di ingegneria Civile e Industriale di Sapienza Università di Roma

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

A Roma “The future flows”, terza riunione nazionale ISCCA

La Terza Riunione Nazionale la Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare (ISCCA) sarà ospitata quest’anno a Novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077