Martedì, 31 Luglio 2018 16:31

“Separati ma non troppo”: la famiglia supplizio e porto sicuro. Recensione

Scritto da

“Separati ma non troppo” è la traduzione italiana del più azzeccato titolo francese “Sous Le Même Toit” (Sotto lo stesso tetto) della commedia diretta da Dominique Farrugia.

Racconta di Yvan (Gilles Lelluche) e Delphine (Louise Bougoin) una coppia sposata da quindici anni e con due figli, stanca della routine e dei problemi che insorgono nell’arco di una lunga convivenza, quando lo stupore del nuovo cede il passo ai difetti del rapporto. Delphine comunica l’insoddisfazione al marito e gli chiede di aprire il loro menage a nuovi incontri. Lui, prendendola alla lettera, si concede un’avventura: come risultato lei lo caccia di casa e chiede il divorzio. Yvan, precario nel lavoro, non ha mezzi per pagarsi un alloggio. Dopo un periodo passato a elemosinare ospitalità presso amici o addirittura a dormire sulle panchine, Yvan chiede all’ex moglie di tornare sotto lo stesso tetto in ragione di quel 20% della casa che anche lui ha acquistato. Delphine è obbligata ad accettare e la loro forzata convivenza presto si trasforma in un inferno. Senza via d’uscita?

Ispirato a una realtà letta da Dominique Farrugia su un articolo di Libératon, che affermava come il 60% delle coppie parigine divorziate fosse obbligata a dividere le stesse mura a causa della mancanza di fondi, il film tocca un problema noto e diffuso, a prescindere dalle separazioni e dai divorzi: quello della difficoltà di rendere duratura una convivenza in cui ci si confronta e scontra in uno spazio fisico limitato e nella quale, almeno uno dei due, è dipendente economicamente. Tema interessante, che il titolo francese esalta, mentre meno riuscita è la sua traduzione. Il film però non esaudisce le attese e, con una sceneggiatura tesa a spiegare un problema più che narrarlo, letteraria soprattutto in bocca ai due giovanissimi figli, scivola via forzato e poco credibile, pur inframmezzato da momenti molto spassosi. Peccato perché gli attori sono bravi e l’intuizione socio-psicologica poteva creare un affresco sulla commedia umana di molte famiglie attuali. I palati non troppo esigenti vi possono tuttavia trovare spunti di riflessione, identificazione e divertimento.

  • Titolo originale: Sous Le Même Toit
  • Regia: Dominique Farrugia
  • Cast: Gilles Lellouche, Louise Bourgoin, Manu Payet, Marilou Berry, Julien Boisselier, Nicole Calfan, Marie-Anne Chazel
  • Genere: Commedia, Colore
  • Durata: 97 minuti
  • Produzione: Francia, 2017
  • Distribuzione: Europictures
  • Data di uscita: 13 settembre 2018
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

NanoInnovation: a Roma si confrontano i massimi esponenti delle nanotecnologie

La terza edizione dall’11 al 14 settembre presso la sede della Facoltà di ingegneria Civile e Industriale di Sapienza Università di Roma

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

A Roma “The future flows”, terza riunione nazionale ISCCA

La Terza Riunione Nazionale la Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare (ISCCA) sarà ospitata quest’anno a Novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077