Mercoledì, 09 Ottobre 2019 09:37

Teatro Quirino: non c’è amore senza crimini, successo per Placido e Bonaiuti

Scritto da

Si apre il sipario su “Piccoli crimini coniugali” di Éric- Emmanuel Schmitt per la regia di Michele Placido, in un rinnovato teatro Quirino impreziosito da pareti damascate in stile art déco e nuove fiammeggianti e accoglienti sedute. Uno stile prezioso degno di un teatro nazionale, attirando sin dalla prima un pubblico più numeroso, sia per la maggiore comodità che per la ricchezza della nuova stagione, che armonicamente alterna classici e contemporanei in un’ottica rinnovata e mai banale. 

Ed è proprio un invito ad accorrere quello rivolto al suo pubblico da Michele Placido al termine della prima dello spettacolo. «Un ringraziamento agli abbonati che con l’iniziativa “adotta una poltrona” hanno contribuito al rinnovamento del teatro, che sopravvive solo grazie ai propri profitti: continuate a partecipare numerosi, sarà una stagione straordinaria». Ed è in effetti un buon inizio con “Piccoli crimini coniugali” adattato e messo in scena da Michele Placido che ne è anche il protagonista, che sta riscuotendo il consenso del pubblico. Ambientato in una casa borghese, dominata dal rassicurante bianco e blu, dove vivono insieme da più di 15 anni Gilles, uno scrittore di polizieschi, cinico e “tombeur de femmes” e sua moglie Lisa, logorata dalla gelosia e insicurezza, interpretata da una superlativa Anna Bonaiuto. Una routine consolidata e apparentemente felice, dominata dal narcisismo del marito - un convincente Michele Placido - preso dal lavoro e  dalle proprie manie e la compagna, segretamente dedita all’alcol, utilizzato come rimedio per sedare le ansie e il timore di esser tradita e abbandonata.

A rivoluzionare la routine della coppia sarà proprio un fatale incidente, che cancellerà la memoria di Gilles, ormai estraneo alla propria vita, soccorso da Lisa, che con pazienza aiuterà il marito a riappropriarsi della propria identità e ricordare la loro unione, ripartendo dal primo incontro. E come in un flusso di coscienza, emergeranno i motivi che li uniscono e le paure che li allontanano, i segreti e i rancori inconfessati, nel tentativo di rimodellare il legame in positivo, approfittando del vantaggio della temporanea amnesia. Tornerà la magia, con l’occasione di ritornare alle origini e rivivere l’emozione del primo incontro e assistere nuovamente alla rinascita di un sentimento mai sopito. E un imprevisto negativo, come l’incidente e la conseguente amnesia si trasformerà in un’occasione per rinverdire il matrimonio in crisi, dando spazio all’attrazione e alla gioia di ritrovarsi. Il merito del successo di pubblico e critica è tutto dei due eccezionali interpreti – Michele Placido e Anna Bonaiuto – capaci di tenere alta l’attenzione e coinvolgere, pur essendo gli unici in scena a interagire per oltre un’ora e mezza nella medesima casa; da menzionare è anche la scelta della colonna sonora, suggestiva e romantica, composta da Luna Vincenti e Mauro Di Maggio, che ha poi arrangiato e riprodotto le musiche originali.

Centoquaranta minuti che corrono veloci, ad alto impatto emotivo, consentendo a ciascuno di immedesimarsi, soffrire e gioie insieme, con la consapevolezza che laddove c’è un vero sentimento, c’è sempre una via di uscita insieme e mai di fuga. 

Sino al 13 ottobre al teatro Quirino Vittorio Gassman

Piccoli crimini coniugali

di Éric-Emmanuel Schmitt

regia e adattamento Michele Placido

con Placido e Anna Bonaiuto

Scene Gianluca Amodio; costumi: Alessandro Lai; luci: Pasquale Mari;

musiche: Mauro di Maggio & Luna Vincenti

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]