Mercoledì, 22 Gennaio 2020 13:05

Teatro Vittoria. “Belvedere. Due donne per aria”: scritta e diretta da Anna Mazzamauro, in scena con Cristina Bugatty

Scritto da

ROMA - Santa – una incredibilmente vitale, brava e simpatica Anna Mazzamauro – nel ruolo di una figura uscita da una tela di Fernando Botero, “diversa” dalla norma per la sua stazza, ma non solo, incontra sul terrazzo di un palazzo dove è andata a stendere la biancheria Graziadio – efficace e disinvolta Cristina Bugatty - un transessuale che è fisicamente il suo opposto: altissimo, magrissimo, efebico.

Le due sono tanto differenti nell’aspetto, quanto accomunate dalla loro difformità e dal bisogno di vivere come accettabile e naturale, quello che agli altri sembra trasgressione. Sono delle diverse e hanno accomunato nella vita quel biasimo che le ha ferite e incanalate alla solitudine. Sul tetto del terrazzo, sventato da Santa un impulso suicida di Graziadio, si racconteranno la fatica del vivere, la difficoltà dei rapporti familiari, le delusioni sentimentali, lo sfinimento del meretricio e la necessità del rispetto, il non saper come e a chi dire “esisto anch’io”, il traguardo della morte. 

Le due diventano amiche. Graziadio, etichettata come “diversa”, ritrova attraverso la plebea sana ironia di Santa, irresistibile signora del Belvedere, la sua “normalità” scoprendosi accettata, pur se l’accoglienza di un singolo non può supplire quella sociale. Sul Belvedere con loro c’è Beethoven, musicista sordo che tuttavia “sente” vibrare le loro emozioni e le accompagna interloquendo con il suo contrabbasso, mentre assiste a un crescendo inaspettato che le unirà fino all’ultimo respiro.  “Belvedere. Due donne per aria” è una tragicommedia, oltre che interpretata, scritta e diretta da Anna Mazzamauro, che ci ricorda come la diversità non esista perché ciascuno di noi è unico.  Se quel “per aria” fa anche pensare a uno stato di continua precarietà, è tuttavia situazione universale, guardando la vita con la saggezza del distacco, dall’alto di un belvedere 

Teatro Vittoria di Roma

Fino al 26 gennaio 2020 

E20inscena 

presenta 

BELVEDERE 

due donne per aria 

Uno spettacolo scritto e diretto da 

Anna Mazzamauro 

con 

Anna Mazzamauro, Cristina Bugatty 

e Sasà Calabrese 

scene Alessandro Chiti - costumi Agostino Porchietto - disegno luci Davide Rigodanza 

fonico Bruno Ferreira - macchinista Vincenzo Cutrupi - organizzazione Tamara Guido 

fino al 26 gennaio 2020 (h 21.00, domenica 26 h 17.30) 

TEATRO VITTORIA - ATTORI & TECNICI _ Piazza S. Maria Liberatrice 10, Roma (Testaccio) Botteghino: 06 5740170 – 06 5740598 

Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it 

Come arrivare: Metro: Piramide; Bus: 170, 781, 83, 3 

Comunicazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Teresa Bartoli 348.7932811 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Biglietti 

- intero: platea € 30, galleria € 24 

- ridotto (under 26/over 65): platea € 23, galleria € 20 

- bambini (under 12): platea € 15, galleria € 14 

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]