Mercoledì, 05 Febbraio 2020 17:29

Piccolo Eliseo: “Le braci”, le ceneri di un mondo al tramonto

Scritto da

Una ferita non ancora chiusa dopo 40 anni. È l’attesa per la resa dei conti ad animare Henrik, generale in pensione protagonista insieme a Konrad, il suo migliore amico e avversario di “Le braci”, l’opera più acclamata del romanziere Sandor Marai, al Teatro Eliseo di Roma fino al 9 febbraio.

Un testo carico di pathos che mette in scena una rivalità di antica data, che ha consumato la vita di due uomini: l’uno analitico e pragmatico, l’altro sognatore e creativo, uniti dall’amore per la stessa donna Krisztina; e anche per la stessa patria, l’Ungheria, ormai smembrata alla fine della Prima Guerra Mondiale, lasciandosi alle spalle molti apolidi. Come lo stesso Konrad, ormai anziano quando decide di rientrare a casa dopo un esilio volontario ai tropici lamentando di “non aver più alcuna patria”, essendo nato in una parte di Paese ormai annessa alla Slovacchia. Ed è “un senza radici” anche lo stesso autore Sandor Marai, che in questo romanzo del 1942 esprime le sue ansie e il suo disagio per un momento storico che vede il crollo degli antichi valori tardo ottocenteschi e lo spettro di un nuovo conflitto – La Seconda Guerra Mondiale - che nuovamente si stava abbattendo sull’Europa portandosi via la speranza di una stabilità politica, sociale e psicologica. 

Un romanzo che viaggia su questo doppio binario: politico e sentimentale; con dialoghi sferzanti e commuoventi che mettono a nudo l’animo e le intenzioni di questi uomini, prima amici poi rivali ed ora soltanto “anziani”, portatori di un’etica tardo ottocentesca che non esiste più, le cui “braci” sono state spazzate via dalle guerre e dall’avvento delle nuove ideologie.

Azzeccata la scelta degli attori che con gravità e partecipazione danno corpo a questi due uomini al tramonto, con tante domande, ma nessuna risposta risolutiva. E conclude lo stesso autore: «Due persone non possono incontrarsi neanche un giorno prima di quando saranno mature per il loro incontro». 

Al Piccolo Eliseo sino al 9 febbraio

Le braci

dall’opera di Sándor Márai

adattamento Fulvio Calise

drammaturgia e regia Laura Angiulli

Con Renato Carpentieri e Stefano Jotti

Scene Rosario Squillace

Disegno luci Cesare Accetta

Produzione Il Teatro coop. produzioni Galleria Toledo

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]