Lunedì, 10 Febbraio 2020 12:36

Altrove Teatro Studio. Un capitano. Duecentomila chili sulle spalle

Scritto da

La storia vera del migrante alla ricerca di un futuro migliore.  Regia di Eleonora Gusmano, testo di Arm Abourezk e di Giulia Lombezzi

Essere niente. E continuare ad essere niente e niente, finché non si giunge a comprendere che, per riscattare il proprio futuro, si deve combattere fino in fondo contro ogni avversità così da conquistare quella luce che ci è stata da sempre negata da una condizione mai voluta. Forse, più di ogni altra riflessione è questo il messaggio che ci vuole trasmettere lo spettacolo teatrale “Un Capitano. Duecento chili sulle spalle” rappresentato a Roma presso Altrove Teatro Studio dal 7 al 9 febbraio 2020. 

Tratto dalla storia vera di Amr Abourezk, il racconto si concentra nell’estate del 2006, durante i mondiali di calcio 2006 in Germania, quando tutti sono distratti dal trionfo dell’Italia di Lippi del dopo scandalo “Moggi”. Qui si sviluppa la vicenda di Amr, egiziano di ventuno anni che ha ben chiara la sua condizione di emarginato al quale l’attività di pescatore non potrà mai consentire di costruirsi la vita che ha sempre desiderato. Nel suo cuore alberga, infatti, un miraggio: raggiungere l’Europa, l’Irlanda, quel nuovo “Eldorado” dove i sogni possono tramutarsi in realtà, e dove i suoi amici, già partiti, hanno costruito quella vita fatta di soddisfazioni e di prospettive che a lui sono negate.

 La decisione di partire, dunque, è l’unica possibile e imbarcarsi assieme ad altri uomini, altri disperati come lui, alla volta dell’Italia attraverso le coste della Libia è una scelta che non può essere più rinviata. Ma si tratta di una traversata pericolosa, dove appare subito chiaro che non c’è scampo se si commette un errore, se non si conoscono le insidie del mare e della navigazione. Ecco quindi che Amr capisce la necessità di sostituire gli scafisti inadeguati e diventare lui il “capitano” di quel guscio di noce alla deriva, facendosi carico della vita dei suoi compagni per giungere in salvo in un porto sicuro. 

Premio speciale Riviera dei Monologhi ed è semifinalista al Premio Scenario Ustica 2017 si tratta di un monologo di forte impatto emotivo che fruisce di un montaggio scenico scarno ma efficace con oggetti simbolo che sottolineano il percorso interiore di Amr, lacerato tra desiderio di riscatto e paura di non farcela, permettendo all’ascoltatore di afferrare il suo intimo dissidio, la sua volontà di andare oltre ogni confine “de-terminato” per strappare con le unghie e con i denti la sua libertà dall’oppressione e la miseria.

La regia rigorosa e attenta di Eleonora Gusmano, attrice di origini torinesi che ha al suo attivo già numerosi lavori, grazie alla preziosa collaborazione di Giulia Lombezzi, ha costruito una rappresentazione teatrale assolutamente potente nel definire la personalità di un uomo alla ricerca del suo posto del mondo, andando oltre le metafore convenzionali e tralasciando le facili allusioni psicologiche per consegnare al pubblico una trasposizione quanto mai fedele di quello che prova “un migrante” nello sfidare ogni sorta di pericolo pur di costruirsi il proprio destino. Qui non c’è spazio per l’infiorettamento, ma tutto è calato sulla definizione del personaggio con i suoi dolori e le sue illusioni che, grazie al racconto teso e vibrante e all’atmosfera sonora coinvolgente, ci restituisce un pezzo di vita reale che nessuno dovrebbe mai ignorare.

Un capitano. Duecentomila chili sulle spalle

Dalla vera storia di Amr Abuorezk

Testo originale

Giulia Lombezzi

Amr Abuorzek

Con Matteo Palazzo

Regia Eleonora Gusmano

Scenografia Asilo dei Lunatici

Musiche originali Alessandro Romano

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]