Lunedì, 23 Novembre 2020 20:37

TFF38. “My America”, nel documentario di Barbara Cupisti le piaghe del paese più ricco al mondo

Scritto da

“My America” è un documentario interessante e quanto mai attuale, ancor più dopo le elezioni statunitensi, scritto e diretto da Barbara Cupisti, prodotto da Sandro Bartolozzi, una produzione Clipper Media con Rai Cinema, con il patrocinio del Robert F. Kennedy Human Rights, presentato nella sezione Fuori Concorso / Doc, nell'ambito della trentottesima edizione del Torino Film Festival, che si tiene online fino al 28 novembre 2020. “My America” è visibile in streaming su Mymovies.it da lunedì 23 novembre a partire dalle 14:00 e per 48 ore. 

La domanda che ha guidato Barbara Cupisti, è se il sogno americano esista ancora. Soprattutto dopo che, dal 2014, da quando cioè la regista vive negli Stati Uniti, ha constatato come quella che viene considerata la più grande democrazia del mondo abbia conflitti interni che producono un numero enorme di vittime, veri e propri numeri da guerra. La Cupisti con questo suo lavoro ha voluto contribuire a un’informazione più esaustiva e reale sull’America dimenticata di oggi, poiché le notizie che arrivano in Europa, e nell’America stessa, tramite i media ufficiali sono parziali e non danno un’idea reale del livello di violenza e povertà che esiste nel paese.

La Cupisti ci conduce sulla strage di San Valentino nel liceo di Parkland dove un ragazzo di diciannove anni nel 2018 uccise 17 persone, suscitando nei più giovani una reazione di massa che li spinse a combattere pacificamente la cultura delle armi come fonte di sicurezza, dimostrando, cifre e testimonianze alla mano, che è il contrario. Seguiamo la vita dei senza tetto, finiti in mezzo a una strada a due passi dai palazzi miliardari. Assistiamo al ritrovamento dei resti dei migranti morti nel deserto, coloro che, pur di tentare la salvezza da una vita insopportabile, avevano sfidato la sete e il freddo.

Diplomata all’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica Silvio D’Amico, Barbara Cupisti ha iniziato la sua carriera come attrice di teatro e di cinema, è poi passata alla conduzione e in seguito alla regia di programmi socio culturali su Rai Tre, Rai Sat e Rai International scoprendo l’interesse nel raccontare storie di uomini e donne, trovando nel documentario il modo ideale di scrivere per immagini. Il suo primo film, Madri, proiettato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia del 2007, ha vinto il David di Donatello nel 2008 come Miglior Documentario dell’anno. Il secondo documentario, Vietato sognare (2008), ha ricevuto riconoscimenti quali l’“Amnesty International Cinema and Human Rights Award” al Festival Internazionale del Cinema di Pesaro e l’Alto Patronato da parte dell’Unicef Italia.  Nel 2012, Fratelli e Sorelle, storie di carcere, realizzato con Rai Cinema, vince il Premio Flaiano e il Premio Ilaria Alpi per il Miglior lungo reportage italiano e viene candidato come Miglior documentario di lungometraggio ai David di Donatello. Nel 2013 il documentario Interferenze Rom, e nel 2014/15 Esuli, trilogia che racconta storie di esuli del Terzo Millennio, vincono il Nastro d’Argento per i documentari. Nel 2016/17 Womanity, documentario lungometraggio ambientato tra India, Egitto e USA, che narra la “resilienza” delle donne, è vincitore del miglior Documentario al Festival Internazionale del Cinema di Madrid.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]