Mercoledì, 29 Settembre 2021 12:17

Teatro Vittoria. “La luna di Patmos”: per ricordare Piazza Fontana e gli anni delle stragi

Scritto da

ROMA - “Sono sotto choc/è giunto fino a Patmos sentore/di ciò che annusano i cappellani/i morti erano tutti dai cinquanta ai settanta/ la mia età fra pochi anni …” : è l’incipit della poesia di Pierpaolo Pasolini, che il poeta scrisse a Patmos, un’isoletta dell’Egeo, dove si trovava nei giorni della strage di Piazza Fontana, il 12 dicembre 1969.

Dal palco del teatro Vittoria, li recita con semplicità Stefano Messina, unico mattatore de “La luna di Patmos”, regista con Chiara Bonome dell’opera scritta da Gianni Clementi. Spettacolo nel quale le musiche originali del maestro Pino Cangialosi, al fagotto e alle tastiere, la voce di Livia Cangialosi al corno e alla chitarra e il contrabbasso di Flavio Cangialosi, hanno un ruolo imprescindibile. 

Le luci, il ragliare di un asino, la scenografia suggestiva nella quale troneggia una rete da pescatore, completano l’atmosfera dove Giovanni (Stefano Messina), ex impiegato della Banca Nazionale dell’Agricoltura ora ritiratosi all’Isola di Patmos, evoca la sua vita e gli anni delle stragi, a cominciare da Piazza Fontana, momento in cui il suo destino ha preso inconsapevolmente un’altra direzione. Il 12 dicembre 1969, racconta Giovanni con un mazzo di fiori, andava a Milano per tradire sua moglie con Concetta Palmucci, anch’essa impiegata della banca dell’Agricoltura …

Il personaggio di Giovanni è quella del classico uomo qualunque, preoccupato di soddisfare i bisogni primari, lontano da qualsiasi interesse politico e tanto meno sociale. Ma in seguito alla tragedia dell’attentato che causò 17 morti e 88 feriti, con la scoperta chiarificatrice di Patmos, la poesia pasoliniana, la sua visuale cambia e si evolve. S’insinua il bisogno di scoprire e capire cosa sia successo: da questa maturazione, Giovanni ci trasmette la propria esperienza, complessa, catartica, sorretta da quella curiosità di decifrare l’esistente che mantiene giovani.

Si sa che la strage di Piazza Fontana è considerata la “madre di tutte le stragi”, il “primo e più dirompente atto terroristico del dopoguerra”, il “momento più incandescente della strategia della tensione”, proseguita ancora per molto. Dunque Giovanni, da una grotta a Patmos dove ha infine deciso di ritirarsi, attraverso una rievocazione a flash back, ricostruisce un intero periodo storico, il puzzle delle vicende di un paese che ricompone il volto stragistico degli anni settanta, puntellato di tragedie culminate nel 2 agosto 1980, l’attentato delle 10.25 alla stazione di Bologna.

Fino al 3 ottobre 2021

LA LUNA DI PATMOS

Piazza Fontana, 12 dicembre 1969

di

Gianni Clementi

con

Stefano Messina

regia Stefano Messina e Chiara Bonome

musiche M° Pino Cangialosi

corno, chitarra e voce Livia Cangialosi - contrabasso Flavio Cangialosi - fagotto e tastiere Pino Cangialosi

Produzione Attori & Tecnici

Il progetto è sostenuto dal Ministero della Cultura e dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2021 sullo Spettacolo dal Vivo

dal 28 settembre al 3 ottobre 2021 (h 21.00, mercoledì 29 h 17.00, domenica 3 h 17.30)

TEATRO VITTORIA - ATTORI & TECNICI _ Piazza S. Maria Liberatrice 10, Roma (Testaccio) Botteghino: 06 5740170 – 06 5740598

Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it

Come arrivare: Metro: Piramide; Bus: 170, 781, 83, 3

ComunicazioneQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Responsabile Ufficio StampaTeresa Bartoli 348.7932811 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Biglietti (prevendita inclusa):

  • intero: platea € 30, galleria € 24
  • ridotto (under 35/over 65): platea € 21, galleria € 16
  • ridotto under 18: platea € 15, galleria € 13
  • bambini (under 12): platea € 15, galleria € 14
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png