Giovedì, 28 Ottobre 2021 10:35

“La pittrice e il ladro”, la storia vera di Barbora Kysilkova e Bertil Nordland

Scritto da

Barbora Kysilkova, nata a Praga nel 1983, oggi trasferitasi a Oslo dove vive con il suo compagno, è una pittrice iperrealista.

Il suo talento è indubbio, alcuni suoi ritratti sono migliori di molte fotografie: fedeli alla realtà riescono a comunicare più di qualsiasi scatto il travaglio interiore dei personaggi ritratti. Non è famosa, né facilmente commerciabile, perché il suo stile estrapola dai soggetti una sofferenza oscura, inquietante, non facile da esporre in una casa borghese, ma il suo modo di esprimersi è personalissimo, centra il nostro inconscio, come ogni artista autentico.Tutto ha inizio quando, da una galleria d’arte di Oslo due suoi quadri sono rubati in pieno giorno e con un’abilità che lascia esterrefatti. Ma i ladri non si sono curati di passare inosservati e, ripresi dalle telecamere, vengono arrestati. Incomprensibili le cause del furto perché, non essendo l’autrice conosciuta, le sue opere non hanno particolare valore. 

Dal mistero viene intrigata lei stessa, che decide di imbarcarsi nella complicata conoscenza di uno dei due ladri, il norvegese Karl Bertil Nordland al quale arriva a chiedere di posare per lei. Dopo aver letto la notizia su un giornale il regista Benjamin Ree, nato a Oslo nel 1989, ha pensato di farne un cortometraggio ma, una volta iniziate le riprese, ha scoperto molta più sostanza e il lavoro è proseguito per oltre tre anni.  Il film racconta, con un’abilità che mescola la rigorosità del documentario e la suspense della fiction, la nascita e sviluppo di un’amicizia tra un uomo “sbandato”, drogato e avvezzo al crimine, e un’artista attratta dal lato torbido della vita. Lui segnato da un’infanzia infelice, lei da una precedente relazione violenta. Grazie all’arte i due stabiliscono un legame che ha degli sviluppi inaspettati e solleva molte riflessioni e domande.

La pittrice è attratta dalla sofferenza del ladro perché fonte d’ispirazione – lo dice Bertil stesso alla cinepresa “Barbora mi chiede solo dei miei lati oscuri, il resto, gli anni in cui sono stato una brava persona, non le interessa” – ma qual è il limite per cui un’artista possa servirsi di qualcuno per alimentare la propria creatività?Quale potere ha l’arte nei confronti della distruttività? L’arte ha una funzione taumaturgica e guaritrice? La Kysilkova afferma che il ladro, in un ambiente diverso sarebbe potuto diventare un terrorista e, in un ambiente diverso ancora, un ministro: ovvero le influenze circostanti determinano i destini, come gli agenti atmosferici e il terreno determinano la crescita del seme. Quale sia stato l’influsso di questa amicizia artistica sul ladro, lo scoprirete guardando il film.

La pittrice e il ladro, premiato con il World Cinema Documentary Special Jury Award for Creative Storytelling al Sundance Film Festival 2020 è distribuito da Neon

Data di uscita:02 novembre 2021

Genere:Documentario

Anno:2021

Regia:Benjamin Ree

Paese:Norvegia, USA

Durata:106 min

Distribuzione:Wanted Cinema

Fotografia:Kristoffer Kumar, Benjamin Ree

Montaggio:Robert Stengård

Musiche:Uno Helmersson

Produzione:Medieoperatørene

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png