1111.jpg

 

Giovedì, 25 Maggio 2017 12:57

Cannes 70 . « Après la guerre», ritratto di un terrorista italiano

Scritto da

CANNES. « Non saremo schiavi »,  grido disperato ed eloquente degli studenti dai banchi  dell’ Università di Bologna, apre il film italiano  « Après la guerre»,  « Dopo la Guerra », esordio di Annarita Zambrano,   in concorso a Cannes nella Sezione « Un Certain Regard ». 

E’  la storia di un ex terrorista Marco ( Giovanni Battistoni)  che  in Francia  si é rifatto una vita,  quando agli ex terroristi era permesso rifugiarsi oltralpe per evitare il carcere.  Vive  con la figlia adolescente Viola ( Charlotte Cétaire), in una casa di campagna,  da una ventina d’anni.  Il  suo  passato piomba nella sua nuova esistenza nel momento in cui, dopo la morte di Marco Biagi,  l’ Italia chiede la   sua l’estradizione.  Non sentendosi piu’ protetto nel paese che lo ha ospitato, si prepara a espatriare in Nicaragua. « Après la guerre » è il ritratto di un esponente della lotta armata, ma anche di un padre dispotico e ingombrante, soprattutto un doloroso profilo umano.  

Il film é girato in Francia e in Italia. Regista determinata e schietta Annarita Zambrano , ha detto in conferenza stampa :  «  Abito in Francia da 20 anni , ma resto profondamente italiana.  Devo  tutto alla Francia, il paese dove ho iniziato a fare i miei primi film,  ma  mi sento profondamente legata all’Italia. Mi interessa anche avere  un doppio sguardo  italo-francese» - ha precisato - « perché é il punto da cui scaturisce la riflessione e la discussione .  ‘Dopo la guerra’  è una storia complessa e mi ha preso molto tempo, il percorso di questo film mi ha cambiato : all’inizio del film ero piu’ superficiale ». 

La Zambrano si è anche soffermata a parlare della colpa :  «  Il carico della colpa, dei delitti antichi che ricadono su chi resta e  deve essere espiato, é una costante non solo della cultura classica », ha chiarito,  « ma anche di quella cattolica ». 

« Après la guerre »  pone domande  attuali,  in un momento in cui la Francia sta facendo i conti con il terrorismo.  Il film sarà in anteprima  al Biografilm fest che si terrà a Bologna dal 9 al 19 Giugno e  uscirà nelle sale italiane in autunno,  in quelle francesi a Gennaio.

2017, Après la guerre

Paese : Francia, Italia, Svizzera

regia : Annarita Zambrano

Genere : Fiction

Cast : Giuseppe Battiston, Charlotte Cétaire, Maryline Canto, Jean Marc Bart, Barbora Babulova, Fabrizio Ferracane, Elisabetta Piccolomini

Sceneggiatura : Annarita zambrano, Delphine Agut

Montaggio : Muriel Breton

produttori esecutivi : Thomas Jaubert e Stephanie Douet

Distribuito : I Wonder Pictures

APRÈS LA GUERRE Estratto del Film (Cannes 2017)

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]