1111.jpg

 

Martedì, 24 Maggio 2022 09:50

Cannes 75. “Burning days”, film turco molto bello nel concorso “Un certain regard”

Scritto da

CANNES (nostro inviato) “Burning days” del turco Emin Alper è a Cannes nel concorso “Un certain regard”, dedicato ai registi giovani o non ancora del tutto affermati,  ed è opinione generale che sia uno dei più bei film di questa edizione, nella quale la selezione ufficiale non è delle migliori. 

Racconta di Emre, un giovane procuratore determinato e inflessibile, appena nominato in un piccolo remoto villaggio della Turchia che, malgrado sia deciso a far rispettare le leggi, si trova  pericolosamente a scontrarsi con i notabili locali, pronti a difendere i propri privilegi con ogni mezzo, anche il più estremo. 

Il film, fin dalle prime scene, coinvolge: l’ inseguimento di un cinghiale da parte dei paesani, l’ animale legato e trascinato in una scia di sangue, gli spari e le grida di chi lo rincorre, in  una inquietante colonna sonora, rimangono a lungo negli occhi con un’impressione di umana barbarie e pietà verso l’animale. Emre, il procuratore, è un giovane ambizioso che si muove affinché l’etica, l’ecologia, i diritti umani vengano rispettati in un microcosmo immaginario culturalmente ostile, metafora di un macrocosmo diffuso. 

Sin da subito Emre a colloquio con due notabili comunica loro che sparare in aria è illegale, oltre che pericoloso. Poi prende a occuparsi dei problemi di una comunità che ha scarsissimo approvvigionamento idrico dovuto allo sfruttamento di alcune falde acquifere e alla corruzione del potere. Coraggioso e candido: Emre una sera a cena con i due, che inutilmente tentano  tirarlo dalla parte loro, viene drogato e fatto ubriacare. Così, pur non avendo preso parte al fatto, è coinvolto in una brutta storia di violenza sessuale a una zingara, invitata a ballare quella sera. 

A questo punto il film sfocia nel thriller, che si configura come espediente narrativamente accattivante per introdurre un discorso etico e politico, atto a condannare le tattiche ingannevoli e intimidatorie generate dalla cultura populista. Ce la farà il nostro eroe a portare a termine la sua missione e a restare a galla?   La risposta è in un finale simbolico, inaspettato e di grande equilibrio, che non riveliamo.

BURNING DAYS 

 Di Emin Alper. Con Selahattin Paşali, Ekin Koç, Selin Yeninci, Erol Babaoğlu. 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png