Visualizza articoli per tag: donne

UNA GARA DI IDEE: VOCE ALLE DONNE

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - I nuovi dati provvisori sulla disoccupazione, diffusi oggi dall’Istat, non lasciano dubbi, è disastro sul fronte lavoro.  A cadenza regolare siamo subissati da numeri, percentuali, dati che di fatto dicono sempre la stessa cosa: la crisi c’è, è inutile negarlo, e stiamo assistendo all’eclissi del lavoro e della società salariale. Questo è quello che salta all’occhio da una prima analisi dei numeri snocciolati dall’Istat.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Venerdì, 11 Aprile 2014 13:55

Il voto delle donne sarà rosa?

ROMA - Il programma televisivo di maggior successo della Rai da alcuni anni  è  “L’eredità” ,  il cosiddetto pre-serale condotto da Carlo Conti  che va in  onda  dalle 19 alle 20, prima del Tg Uno. E’ quello di maggiore ascolto fra i tanti telequiz  ai quali la tv generalista, sia pubblica  che privata,  non può rinunciare se non vuole perdere  buona parte del suo pubblico più affezionato, quello anziano.  

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Venerdì, 07 Marzo 2014 15:30

Le donne nel mito. Elena, tra colpa e bellezza

“Il fatto di rapire le donne è considerato un’ azione da uomini disonesti, tuttavia il fatto di darsi pena di vendicare le donne rapite è un’ azione da folli, mentre è da persone sagge non darsi pensiero delle rapite.” (Storie- Erodoto)

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - In tarda mattinata, un cospicuo gruppo di cittadine e cittadini, attivisti, studenti e studentesse, della rete cittadina Io Decido, ha occupato la sede dell'ordine dei medici, denunciando e rivendicando l'aborto libero, gratuito e garantito.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

Il cinema del vero passa prima al festival degli indipendenti: dall’allarme giustizia ai diritti umani i temi della ricca sezione dei documentari 

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

ROMA - Si è svolta a piazza del Popolo a Roma il sit.in Mai più Clandestine. Una manifestazione per difendere la legge 194 che disciplina l`interruzione volontaria di gravidanza. Donne «e non solo» si sono date appuntamento con lo slogan #maipiùclandestine. Diversi gli slogan e cartelli colorati. Diverse le donne che vi hanno preso parte. 

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Mercoledì, 26 Febbraio 2014 12:42

NOIDONNE cooperAttive

Oltre il 52%. Questa la percentuale di donne occupate nel comparto cooperativo in Italia, ben più della metà di quel milione e 200mila addetti nelle 43mila imprese attive. Un'economia, quella cooperativa, che nonostante le difficoltà degli ultimi anni, realizza un fatturato di 140 miliardi di euro e rappresenta l'8% del PIL nazionale.

I cambiamenti del quadro socio-economico e della struttura del mondo del lavoro, che la crisi ha acuito, impongono una riconfigurazione dei tempi di vita e di lavoro e una profonda revisione del welfare. Le donne della cooperazione possono dare un significativo contributo attraverso idee e progetti anche grazie alle esperienze già in atto che hanno aperto strade innovative in risposta ai bisogni sociali emergenti.

Con l'intento di valorizzare queste esperienze, la Commissione Pari Opportunità di Legacoop ha promosso il progetto "Lavoro, donne, cooperazione" con la collaborazione di NOIDONNE, storica rivista di politica delle donne, e della Fondazione Nilde Iotti, impegnata nella ricerca storico-socio-economica per valorizzare le donne come classe dirigente. Obiettivo del progetto è tracciare delle linee guida per nuovi modelli organizzativi e per un sistema di servizi sociali rispondente alle reali esigenze delle persone, oggi. Una mostra e una tavola rotonda offriranno elementi di rilettura e spunti di riflessione sui temi posti all'attenzione del progetto.


MOSTRA"NOIDONNE cooperAttive"


Martedì 4 marzo alle 15.30 Aldo Soldi, Direttore Generale Coopfond, e Tiziana Bartolini, Direttora di NOIDONNE, inaugurano la Mostra "NOIDONNE cooperAttive": un progetto cross-mediale che si propone una rilettura dei passaggi salienti delle conquiste delle donne per la parità nel lavoro, per la tutela dei diritti e per la valorizzazione del loro ruolo, soprattutto nella dimensione cooperativa. Una mostra fotografica e documentale che incrocia la storia con le questioni più stringenti dell'attualità dando la parola – anche attraverso video-testimonianze realizzate dalla giornalista Marina Caleffi – alle cooperatrici di oggi. La Mostra è visitabile fino al 12 marzo.


TAVOLA ROTONDA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO IN ITALIA E IN EUROPA OGGI


Alla tavola rotonda "Tempi di vita e tempi di lavoro in Italia e in Europa oggi", prevista alle ore 16.30, interverranno Dora Iacobelli, Livia Turco, Laura Linda Sabbadini, Rita Ghedini, Donata Gottardi, Maria Luisa Mirabile e Costanza Fanelli e modererà la giornalista Luisa Grion. La tavola rotonda sarà il primo momento di un lavoro di approfondimento svolto con ricercatrici, donne delle istituzioni e del mondo imprenditoriale per arrivare alla formulazione di alcune linee di proposta per un welfare innovativo e sostenibile che saranno presentate in un convegno programmato per il prossimo autunno.

MARTEDI' 4 MARZO 2014

Casa dell'Architettura-Piazza Manfredo Fanti 47- Roma

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 06 84439403; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Cell. 339 5364627; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Cell. 366 4137546;
http://pariopportunita.legacoop.coop • www.noidonne.org • www.fondazionenildeiotti.it
#cooperattive

Pubblicato in Italia

"La pace nel mondo dipende dalla difesa dell’ambiente”

W. Maathai

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - A infliggerla sono gli uomini di casa, mariti, compagni, fidanzati, padri. E’ la violenza domestica, un crimine che in Italia non viene denunciato in oltre il 90 per cento dei casi. A esserne vittime sono sempre le donne. Di queste, oltre 100 ogni anno vengono uccise per mano di un uomo. Nella maggior parte dei casi il colpevole e’ un partner o un ex partner, solo in rare circostanze si tratta di uno sconosciuto. 

Pubblicato in Diritti Umani

bianco.png