Lunedì, 21 Ottobre 2019 09:18

Festa cinema Roma 14. “Honey boy”, biopic sull’infanzia dolorosa di Shia LaBoeuf

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Honey Boy è un film ispirato all’infanzia dell’attore  Shia LaBoeuf e da lui sceneggiato in prima persona.

Diretto con sentimento e abilità da Alma Har’el,  al primo lungometraggio, la regista condivide con Shia LaBoeuf l’esperienza di genitori alcolisti e, per sua stessa ammissione, la motivazione catartica per realizzare un’opera come questa e raccontare, non solo il dolore, ma il perdono.

Anche se con nomi fittizi, il film narra la storia reale di un bambino prodigio che lavora nel cinema (interpretato da Noah Jupe) e vive con il padre, ex drogato, alcolizzato e con disturbi psichici. Il rapporto del genitore con il figlio è anaffettivo e violento: lo sfrutta economicamente, lo rimprovera,  gli insegna da piccolo a fumare sigarette e marijuana. A 22 anni lo troviamo cresciuto (Lukas Hedges), sempre nel cinema ma rovinato da droghe e alcol, al punto da finire in un centro di riabilitazione dove, insieme a uno psichiatra, è obbligato a ripercorrere le origini della sua disastrosa esistenza.

Shia LaBeouf, irriconoscibile. si è ritagliato il ruolo di suo papà,  con bravura interpretando un uomo sfatto, con la pancia, stempiato e dai capelli lunghi. L’attore ha dichiarato in varie interviste che impersonarlo per lui è stato un modo utile a capire e perdonare, un tentativo di superare quel trauma che ha portato anche lui  a situazioni pericolose. Film misurato e coraggioso per gli accenti di sincera intimità: Shia LaBoeuf, grazie anche alla regista, è riuscito a parlare di se stesso senza incensarsi, né farsi solo vittima, Ed questo che rende il film credibile e toccante.

Honey Boy Alma Har’el 

Interpreti  Shia LaBeouf, Lucas Hedges, Noah Jupe, Natasha Lyonne, Martin Starr, FKA twigs 

Sceneggiatura  Shia LaBeouf 

Fotografia  Natasha Braier 

Montaggio Monica Salazar, Dominic LaPerriere

 Scenografia  JC Molina

 Costumi  Natalie O’Brien 

Musica Alex Somers 

Suono Andrew Twite 

Produttore Brian Kavanaugh-Jones, Daniela Taplin Lundberg, Anita Gou, Christopher Leggett, Alma Har’el 

Co-produttore  Anthony Brandonisio, Rebecca Cammarata 

Produzione Automatik, Stay Gold Features, Delirio Films, Kindred Spirit 

Distribuzione internazionale  Sony Pictures Worldwide Acquisitions (SPWA), Stage 6 Films

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]