Sara De Leonardis

Sara De Leonardis

ROMA - Cesare Damiano fa dietro front rispetto alla posizione di ieri. Ha detto, infatti, che lui la fiducia la darà, ma in modo critico. Che cosa intenda il deputato ed l’esponente della minoranza del  Pd, non è dato a sapere. Sta di fatto che ormai questi repentini cambi di opinione, non fanno altro che creare ulteriore confusione, in un panorama politico davvero contraddittorio.

Fissato a Roma un incontro nazionale per  giovedi 6 novembre

ROMA - Su alcuni organi di stampa oggi sono state diffuse voci su un probabile crollo del numero degli iscritti al partito democratico. Meno 400 mila hanno riportato alcune testate. In una nota il PD ha smentito questi dati.  "Le notizie sono infondate", ha tuonato il vice segretario del Pd e responsabile Organizzazione Lorenzo Guerini. "Si sta costruendo una polemica inutile e strumentale. Spiace che qualcuno, basandosi su proiezioni inventate, apra una polemica inutile".

Venerdì, 26 Settembre 2014 09:10

No Renzi please, we are british. IL VIDEO

ROMA - In viaggio per gli Stati Uniti il premier Matteo Renzi tra selfie e tweed dell'ultimo minuto, parla, parla e parla. Fin troppo e male potremmo dire, anche perché se usasse l'italiano e si fosse portato al seguito un interprete simultanea sarebbe stato molto meglio.

ROMA - La notizia della rinuncia del maestro Riccardo Muti a dirigere l'Aida e le Nozze di Figaro, nella prossima stagione del Teatro dell'Opera di Roma, è rimbalzata in tutto il mondo. Il maestro lo aveva annunciato ieri in due lettere, una indirizzata ai vertici del teatro, l’altra più privata destinata al sovrintendente Carlo Fuortes, nella quale ha precisato che "non ci sono le condizioni per garantire quella serenità  necessaria al buon esito delle rappresentazioni, a causa del perdurare delle problematiche emerse negli ultimi tempi". 

Lunedì, 25 Agosto 2014 12:28

L’estate degli orrori

 

ROMA - Appena cinque mesi fa il ministro Angelino Alfano annunciava che gli omicidi nel primo bimestre del 2014 erano in calo, ma non i femminicidi. Stando infatti agli ultimi episodi di cronaca, sembra che quest’estate ci sia stata una vera e propria impennata di delitti violenti, che sempre più spesso vengono consumati tra le mura domestiche. Vittime le donne, che continuano a morire a decine, a centinaia.

Pagina 7 di 7

bianco.png