Visualizza articoli per tag: Politica

Come si dice, “il fuoco cova sotto la cenere.” E non è solo un fatto di tattica,  complici le elezioni amministrative con le forze politiche a sostegno di  Monti  che si smarcano nella propaganda elettorale, come era logico aspettarsi.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Il 6 e il 7 maggio 10 milioni di italiani sono chiamati a rinnovare il governo di 770 comuni e di 22 capoluoghi di provincia. I cittadini dell’Aquila, di Genova, di Palermo, di Taranto, di Pisa, di Brindisi, di Parma, di Verona e di tante altre città, dal nord al sud, decideranno da chi dovranno essere governati per i prossimi cinque anni.

Pubblicato in Il punto

GENOVA - Non sono soltanto i sondaggi, anche il clima che si respira in città fa pensare che per Marco Doria l’unico dubbio sia se sarà sindaco al primo turno o al ballottaggio.

Pubblicato in Primo piano
Giovedì, 03 Maggio 2012 09:40

Un Fondo per la crescita con i beni pubblici

ROMA - Il programma di riforma del governo Monti ha visto una recente manifestazione operativa nella Agenda per la crescita presentata dal Ministero dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture.

Pubblicato in Focus Economia

ROMA - Purtroppo il comunicato del governo che si può leggere sul sito di Palazzo Chigi non è uno scherzo di qualche buontempone.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Il  lavoro, i diritti, i salari: in ogni parte del mondo queste tre  parole sono risuonate nelle strade, nelle piazze.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - E’ proprio vero i “tecnici” ne sanno una più del diavolo. Quando meno te l’aspetti un colpo d’ala  Mario Monti  sente che il terreno gli sta franando sotto i piedi. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - La parola inglese "Spending Review" può trarre in inganno, ma domani il Consiglio dei ministri da il via all'operazione  che prevede tagli  sulla  spesa pubblica. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Domenica, 29 Aprile 2012 15:42

Primo Maggio: per dare un futuro al Paese

ROMA - Perchè si chiama Festa del Lavoro, quando non c’è proprio niente da festeggiare in un mondo dove la crisi del capitalismo fa pagare prezzi enormi ai lavoratori, la disoccupazione dilaga, una nuova povertà colpisce milioni di persone, tanti e tanti bambini muoiono di fame  o colpiti da malattie curabili con semplici medicinali che non hanno.

Pubblicato in Il punto

Il 19 aprile 2012 si è svolto a Firenze un incontro sulla situazione politico-sindacale generale fra CUB, USB, CIB Unicobas, ORSA, Si Cobas, Snater e USI. Lo SlaiCobas, seppur assente, condivide quanto deciso

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

bianco.png