Mercoledì, 03 Ottobre 2018 11:28

Simenon. “La vedova Couderc”, a occhi incollati. Recensione

Scritto da

“La vedova Couderc” di George Simenon è molto più che un ipnotizzante e mero poliziesco.

La sua capacità di calamitare l’attenzione è concentrata nella forza realistica degli eventi, nella finezza e profondità dell’indagine psicologica dove i conflitti dei personaggi amplificano i nostri, dove la devianza diventa individuabile anche in un’apparente normalità, il buio si staglia oltre l’apparenza e ci si chiede, senza immaginare come, quale sarà il finale. Una scrittura limpida, essenziale e sintetica, un ritmo incessante caratterizzano lo stile di perfetta ballata popolare, tipica di Simenon. Su questo romanzo è stato fatto nel 1971 un film con Simon Signoret e Alain Delon, che in italiano titola “L’evaso”.

La traccia iniziale della vicenda è questa: Jean, un giovane appena uscito dal carcere, vaga senza una meta. Su un autobus per caso incontra la vedova Couderc, massiccia contadina di mezza età che lo concupisce.  Il ragazzo non ha un impiego, non ha legami affettivi e finisce, quasi inconsapevolmente, a offrire la propria forza lavoro nella fattoria della Couderc, che di notte gli offre anche il sesso senza essere ricambiata con implicazioni sentimentali. Tuttavia in questo tranquillo tran tran, dove Jean sembra aver ritrovato il suo equilibrio, s’inserisce la figura della giovanissima nipote della vedova Couderc, adolescente per la quale a poco a poco il cuore di Jean inizia a battere …

Bellissime le descrizioni della campagna francese, di quel mondo caldo, rozzo e primitivo dove le passioni sfociano con energia, luce elementare, dove la semplicità drammatica dell’inconscio quotidiano,  trasuda il fascino dell’esistenza ridotta all’essenziale di sogni e bisogni.

Titolo: la vedova Couderc

Autore: Georges Simenon

Casa Editrice: gli Adelphi

Pagine: 169

Traduzione :Edgardo Franzosini

Versione cartacea euro 12

Versione ebook euro 8,99

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]