Giovedì, 11 Settembre 2014 15:58

Diario di un turista travolto dal solito destino nell’azzurro mare di agosto

Scritto da

RICADI (VIBO VALENTIA) Metti un giorno d’ estate a Capo Vaticano… siamo in Calabria, in una delle località più conosciute della costa tirrenica. Si prospetta una splendida giornata di mare… o forse no.

Trovare una spiaggia è già un lavoro. La costa è assediata da stabilimenti che hanno precluso in più punti l’accesso al litorale. Finalmente ecco un posto utile in cui si può sostare. Bisogna stare attenti, i vigili sanno bene che in questo periodo la domanda di parcheggi supera di gran lunga l’offerta e vanno a caccia di qualche disgraziato che ha lasciato la macchina in un punto in cui non da fastidio. La giustizia qui è implacabile e noi non abbiamo soldi da regalare. Anzi si, perché il parcheggio buono si paga. Per un pomeriggio di mare ci vogliono 5 euro. Una guardiano ci fa il biglietto. In un lampo siamo sulla spiaggia. 

Il mare è molto agitato. La responsabilità è del buon Dio. Sulla sporcizia invece sospettiamo le colpe siano terrene. Il mare pulito è una perla rara. Il lembo di spiaggia sottile, la parte non occupata dai privati presenta una densità d’ ombrelloni  oltre ogni immaginazione. Il nostro non possiamo piazzarlo. Andiamo a chiedere allo stabilimento quanto dobbiamo pagare per ombrellone e sdraio. “ Per una giornata intera il prezzo è di 30 euro a persona”. 

Siamo felici di rimanere sulle nostre care, scomodissime, rocce a prendere un po’ di sole gratuito. Verso le 19 torniamo mestamente verso l’auto. Le sorprese non finiscono: ci hanno rubato il tergicristalli. Non ci credo. Il guardiano non si è accorto di nulla, è lì solo per fare i tagliandi, mansione prevista dal suo contratto precario in scadenza. Del resto i cartelli parlano chiaro: PARCHEGGIO NON CUSTODITO. Sentiamo cosa ne pensano i carabinieri: “Purtroppo sono cose che in quella zona accadono, anche se non dovrebbero accadere. Se vuole può venire a sporgere denuncia”. La voce rassegnata di chi è abituato a sorbirsi lamentele quotidiane senza avere forza, potere o voglia di cambiare l’andazzo. Ci vuole una serata da urlo per dimenticare in fretta la giornata sfortunata. “Scusi, conosce qualche bel posto qua vicino per andare a ballare?” – “No, qui non c’è nulla”. “Davvero? ” – “Certo. Pensavate di essere ad Ibiza?”

Ha ragione, abbiamo sbagliato tutto. L’anno prossimo andremo lì. Accogliere il turista qui è una bestemmia.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]