Martedì, 10 Gennaio 2012 17:18

Raiuno. “La figlia del capitano”: classico “ è ” popolare. Recensione

Scritto da

ROMA - La prima parte della miniserie “La Figlia del Capitano”, con protagonisti Primo Reggiani e Vanessa Hessler  e la partecipazione straordinaria di Edwige Fenech, ha vinto la serata Auditel di lunedì 9 gennaio 2012 con una media di 5.656.000 telespettatori e uno share del 19,98%.


“La figlia del capitano” è un romanzo storico dello scrittore russo Aleksàndr Sergéevič Puškin, pubblicato nel 1836  e più volte riprodotto sul piccolo e sul grande schermo. Trasposizioni frequenti che, come è accaduto ad altri grandi classici – basti citare Notre dame de Paris di Victor Hugo  - testimoniano che spessore e profondità sono popolari. Evidenziano che la TV propina spazzatura quando gli addetti ai lavori non sono all’altezza.
Questo il soggetto di Puskin: Piotr (Primo Reggiani), è un figlio unico, ribelle e viziatissimo, di un ex generale della Guardia imperiale che il  padre spedisce per punizione presso la fortezza di Orenburg, per avviarlo alla carriera militare. Lì incontra la bella e coraggiosa Mascia (Vanessa Hessler), figlia del capitano della guarnigione.  I due si  innamorano, ma a Piotr, che è nobile,  non è concesso sposare una ragazza di bassi natali. Intanto la rivolta dei cosacchi di Emil Pugacev,  plebeo che si spaccia per il defunto zar Pietro III, sta sconvolgendo l’intera Russia. Cosa accade ai due innamorati? Cosa  a Piotr che appare pericolosamente vicino a Pugacev?
Ci sono in questo romanzo  gli ingredienti che raccontano la storia universale: le barriere dell’amore contrastato e le barriere di classe. Gli sconvolgimenti  che ci obbligano a cambiare dall’interno e a cambiare le nostre istituzioni, anche quando,  nel breve periodo, sono traguardi destinati a fallire. Il racconto messo in scena da Giacomo Campiotti ha una buona ricostruzione storica e una trama equilibrata tra vicende private e pubbliche della Russia di fine Settecento. Il successo dimostra che i classici piacciono: uno dei loro pregi è la semplicità e la sintesi.
Bravi gli attori protagonisti, suggestiva la scenografia, sorprendentemente giovane e bella Edvige Fenech, classe 1948,  nei panni di una Caterina II  sessualmente golosa.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]