Lunedì, 05 Settembre 2016 21:09

Presentato a Palazzo del Capitano di Orvieto l'ambizioso progetto “Orvieto diVino”

Scritto da

Si punta al rilancio nazionale ed internazionale del brand vinicolo e nello stesso tempo a valorizzare il vasto patrimonio  delle eccellenze artistiche, culturali, artigianali e gastronomiche del territorio. Ha aperto il convegno la dottoressa Patrizia Marin, docente allo IULM di Milano

ROMA - “Orvieto di Vino, nome che rappresenta l’importanza del prodotto e del territorio vuole essere un propulsore che partendo proprio dal vino si estenda fino ad abbracciare un intero discorso artistico, culturale, economico e turistico, con una serie di eventi in città a scadenza periodica di quello di oggi e solo il punto di partenza.Abbiamo anche un Comitato Scientifico capace di amplificare professionalmente in messaggio composto da illustri nomi come: Bruno Vespa, Giorgio Calabrese, Oscar Farinetti(che sarà’ presente ad un nostro incontro a Roma), Fiammetta Fadda, Patrizio Roversi, Enzo Vizzari e Riccardo Cotarella in qualità di coordinatore del comitato“.

Il progetto “Orvieto diVino”, è stato fortemente voluto da Riccardo Cotarella, presidente dell’Unione Mondiale degli Enologi, e lanciato all’unisono dal sindaco Giuseppe Germani e da Vincenzo Cecci, presidente del Consorzio Vino Orvieto, con  l’apprezzamento non solo delle istituzioni, da Catiuscia Marini, assessore regionale all’agricoltura dell’Umbria, e dall’on. Luca Sani, presidente della Commissione Agricoltura della Camera, ma anche dai massimi esperti e cultori nazionali dell’enogastronomia, riuniti nella Sala dei 400 del suggestivo Palazzo del Capitano del Popolo, per l’ illustrazione del programma di iniziative volte a riportare le peculiarità e le eccellenze della Rupe e del suo hinterland all’attenzione nazionale e internazionale. Insomma, un nuovo Rinascimento. E già si consolida l’ipotesi di dare vita ad uno Spumante Orvieto DOC.

Per il “Rinascimento” di Orvieto sono in preparazione azioni e iniziative volte a intercettare più destinatari, non solo in Italia ma anche all’estero, a partire dagli Stati Uniti, grazie anche  ad  un prestigioso comitato scientifico.

Al convegno del 4 settembre 2016 sono intervenuti: il marchese Piero Antinori (Marchesi Antinori), Fabio Vittorio Carone – Ruffino (enologo e responsabile commerciale Vino Orvieto), il nuovo presidente del Consorzio Vincenzo Cecci, il critico gastronomico per ‘Panorama’ e ‘Cucina italiana’ Fiammetta Fadda, il sindaco di Orvieto Giuseppe Germani, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il curatore della guida ‘I vini dell’Espresso’ Antonio Paolini e il direttore della guide ‘I vini e i ristoranti dell’Espresso’, Enzo Vizzari. e Patrizia Marin - Responsabile Comunicazione Consorzio Vino Orvieto, moderatrice dell’incontro

                               

    

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]