Mercoledì, 18 Marzo 2020 15:17

La bellezza, finalmente

Tornerà la luna ad illuminare le notti

le stelle ad indicare le strada

Published in Poesia
Venerdì, 20 Marzo 2020 17:50

Il pianto della luna

Nella notte buia 

una luna indolente 

illumina le tenebre. 

Published in Poesia
Mercoledì, 04 Marzo 2020 16:10

Cos'è la vita

Non vivrò in eterno. 

Mentre tu sole…sempre brilli. 

Published in Poesia
Sabato, 22 Febbraio 2020 11:43

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Published in Poesia
Lunedì, 17 Febbraio 2020 17:58

Il mondo muore

Un freddo è sceso nel mio cuore

l’ansia mi stringe la gola

acuti spigoli feriscono l’anima.

Published in Poesia
Lunedì, 10 Febbraio 2020 09:02

Nell'anno del Signore

Roma di secoli fa

bella e ruffiana

dove le donne

con occhi assassini

affacciate alle finestre

curiose e ciarliere

si davano del tu

con le ciociare.

Published in Poesia
Mercoledì, 22 Gennaio 2020 18:59

Voglia di tenerezza

Ormai notte

l’oscurità riempiva la casa

come un liquido denso.

Published in Poesia
Giovedì, 19 Dicembre 2019 12:16

Dio è donna

Divinità era donna!

Un tuffo nel mito della

Grande Madre

tra l’immaginario e il reale.

L’universo femminile

un viaggio alla scoperta

dell’altra metà di Dio.

C’è stato un mondo diverso

dove si venerava la Dea.

Ritroviamo la scintilla

della divinità racchiusa

nella donna, possibile realtà

che Dio è femmina!?

Nei millenni s’è persa

l’autorità morale...

nonne, madri, sacerdotesse

donne capaci di allevare il mondo.

Perdute le loro tracce

prevale il Dio padre

dio del tuono, degli eserciti

un patriarcato al maschile

che veste le donne di pudore e di virtù

per averne il controllo, la proprietà.

La Dea madre riaffiora

in ogni epoca portando nel suo grembo

il sangue e la vita dell’umanità.

Mirella Narducci

Published in Poesia
Lunedì, 16 Dicembre 2019 13:57

Roma stracciona

Roma antico splendore

ospita tanti poveri.

Nel mondo burocratico

non c’è posto per la miseria.

I turisti dai comodi alberghi

sono pronti a visitare la città.

Gli antichi ruderi danno rifugio

a derelitti che strisciano

di notte verso petrosi

letti secolari.

Prendono posto nei cunicoli

del Circo Massimo

alla stazione Termini

tra i loro stracci

emergono come pesci

che non si fidano dell’aria.

Come un museo chiuso

Roma deserta somiglia

a un purgatorio di anime

ai margini d'una società

che li ignora.

Poveri vecchi... solitari

per gusto o abitudine

si sparpagliano per la città.

Sembrano vivere in un limbo

fra questo mondo e l’altro.

Il Colosseo con le sue occhiaie

vuote accoglie di notte 

questi infelici.

Dai fori d'un cranio 

scarnificato correnti

d’aria fredda serpeggiano

tra le rovine grevi 

dell’odore dei secoli.

Nei loro nidi di cenci 

sotto coperte a brandelli 

uomini cercano nei mille volti

della povertà: Ascolto e Dignità.

Mirella  Narducci

Published in Poesia
Venerdì, 06 Dicembre 2019 08:20

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra

è poesia per gli occhi.

Published in Poesia

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]