Visualizza articoli per tag: EOLIE

LIDO DI VENEZIA - Un giapponese e un italiano vincono il premio Orizzonti a Venezia 68, nelle sezioni lungometraggi e corti. Si tratta di Kotoko di Shinya Tsukamoto e di In attesa dell'Avvento di Felice D'Agostino e Arturo Lavorato. La Giuria Orizzonti, presieduta da Jia Zhangke é composta da Stuart Comer, Odile Decq, Marianne Khoury, Jacopo Quadri dopo aver visionato i 52 film in concorso, ha deliberato all'unanimita' di assegnare anche il premio speciale della giuria a WHORES' GLORY di Michael GLAWOGGER .

LIDO DI VENEZIA - Terzo film in concorso alla 68a Mostra del Cinema di Venezia, “L’ultimo terrestre” è l’esordio alla regia di Gian Alfonso Pacinotti, noto ai più con lo pseudonimo Gipi, apprezzato fumettista che per l’occasione adatta per il grande schermo la graphic novel “Nessuno mi farà del male” di Giacomo Monti.

LIDO DI VENEZIA. Per la prima volta con i giornalisti cinematografici, un lungo progetto cinematografico, anche istituzionale, dedicato ai giovani:  il Premio Guglielmo Biraghi del Sngci, organizzato dai giornalisti cinematografici nel quadro della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica diretta da Marco Muller.

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) -  Stasera in Sala Grande  Marco Bellocchio, ha ricevuto dalle mani di Bernardo Bertolucci, il Leone d’oro alla carriera. Parole affettuose che suonavano sincere da parte dei due grandi del cinema, ispirate dalla saggezza di chi la vita l’ha attraversata per tanti decenni. 

VENEZIA - Genova, 2001. E’ l’anno del vertice G8. Migliaia di manifestanti riempiono ogni angolo della città e si riversano in strada. Tra loro ci sono anche  i Black Block , i No Global, un simpatizzante di questi ultimi, Carlo Giuliani, rimasto ucciso in quell’occasione durante gli scontri con la polizia.

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) Brandon è un trentenne che vive a New York, ha successo nel lavoro, una sessualità spinta all’esasperazione e rapporti affettivi rarefatti. All’arrivo di Sissy, la sorella minore,  inquieta e depressa, che si trasferisce a vivere nel suo appartamento alla ricerca di un porto che suo fratello non è in grado di offrirgli, la dipendenza dal sesso di Brandon , fino a quel momento tenuta sotto controllo, esplode e lo costringe a fare i conti con se stesso.

FIRENZE - Serata-evento a Signa patrocinata dalla Regione Toscana. Il ricavato verrà devoluto alla Pollicino Onlus. Sono partiti i preparativi per la nuova edizione del premio per il cinema, la televisione ed il teatro “Sorelle Gramatica.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) -  E’ seccante trovarsi ad asserire involontariamente opinioni simili a quelle poco nobilmente espresse da esponenti politici italiani, ma purtroppo è vero che il cinema italiano, fucina di mediocrità al livello più mainstream, non riesca mai ad emanciparsi, nel suo frangente autoriale ed indipendente, da alcune tematiche come la camorra e la mafia del sud Italia.

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato). La legge del mare vuole che si salvi chiunque sia in difficoltà, non parliamo dei pesci ovviamente, ma degli uomini. Un mare che oggi abbonda più di esseri umani disperati che di fauna. Un’isola del Mediterraneo,  Linosa  - ma potrebbe essere Lampedusa o qualsiasi altra -  una storia commovente sul dramma  dell’Italia di oggi, che accoglie per saggezza e respinge per paura. Le autorità che non invitano a rispettare la “legge del mare” e infrangono un codice etico. 

Etichettato sotto

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) - Presentato nelle giornate degli autori alla mostra di Venezia, “Radici” è il documentario di Carlo Luglio incentrato sul cantautore Enzo Gragnianiello, musicista e cantante folk napoletano appartenente ad una tradizione musicale partenopea di forte impatto popolare, ma forse tra le meno riconosciute, oggi che la situazione musicale napoletana è nota in Italia solamente per la “cultura” del neo-melodico spesso, se non sempre, di bassissimo livello lirico e musicale.

bianco.png