Sabato, 01 Ottobre 2016 11:00

I clienti delle banche italiane: i più tartassati d'Europa

Scritto da

Nel 2015 l’incidenza percentuale delle commissioni nette sui ricavi delle banche italiane (pari al 36,5 per cento) è stata la più elevata d’Europa

VENEZIA - Tra i principali paesi Ue, in Francia la quota si è attestata al 32,9, in Austria al 27,5,  in Germania al 26,2 e nei Paesi Bassi al 17 per cento (vedi Tab. 1). L’anno scorso i ricavi netti derivanti dalle commissioni bancarie hanno sfiorato i 30 miliardi di euro, quasi 5 miliardi in più rispetto al 2008.

In particolare, l’Ufficio studi della CGIA, inoltre segnala che negli ultimi 7 anni (2008-2015) la crescita dei costi dei conti correnti,  delle carte di credito e degli altri servizi bancari ha subito in Italia un’impennata che non ha avuto eguali nel resto d’Europa. Se da noi l’incremento è stato del 20 per cento, nel   Regno Unito  si è fermato all’11,5 per cento, in Francia all’ 11,1 per cento, in Spagna al 6,5 per cento, mentre in Germania (-4,6 per cento), in Belgio (-7 per cento) e soprattutto nei Paesi Bassi (-27 per cento) c’è stata una forte diminuzione (vedi Tab. 2).

Dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo:

“Se teniamo conto che con la crisi economica sono cresciute a dismisura le sofferenze in capo  alla clientela e la contrazione dei tassi di interesse ha ridotto ai minimi termini i margini di redditività delle nostre banche, queste ultime, appesantite da costi fissi ancora troppo elevati hanno ritenuto più conveniente ridurre gli impieghi, e quindi i rischi, e aumentare i ricavi dalle commissioni sui conti correnti, sui servizi bancomat/carte di credito, i servizi di incasso/pagamento e dalle attività extra creditizie, come la vendita di titoli, valute e strumenti di capitale”.

La conferma viene dalla lettura dei dati riportati nella Tab. 3. Se dall’inizio della crisi (2008) al 2015 i ricavi netti degli istituti di credito italiani da operazioni di prestito sono diminuiti di 13 miliardi (-25,3 per cento), per contro l’incasso ascrivibile alle commissioni nette è aumentato di 4,9 miliardi (+ 20 per cento) e quello relativo alla voce altri ricavi netti (costituito prevalentemente da attività assicurative o di negoziazione di titoli, valute e strumenti di capitale) è salito di 11 miliardi (+ 556,5 per cento).

Sebbene in questi ultimi anni siano in costante diminuzione, l’Ufficio studi della CGIA segnala che anche i costi strutturali del nostro sistema bancario rimangono i più elevati d’Europa. Se si calcola l’incidenza delle spese operative (riconducibili al costo del personale, alle tasse, alla gestione degli immobili, a quelli generali di funzionamento, etc.) riferite al 2015 (pari a 52,4 miliardi di euro), sul totale delle attività  (che al 31 dicembre 2015  ammontavano a 2.723 miliardi di euro), il risultato si attesta all’1,93 per cento.  Dato nettamente superiore a tutte le quote percentuali riferite alle prime 10 economie bancarie presenti nell’Unione europea (vedi Tab. 4).

In linea generale, quali possono essere le strategie da adottare nel prossimo futuro ?

“In primo luogo – dichiara il segretario della CGIA Renato Mason – bisognerà perseguire uno sviluppo economico meno bancocentrico, anche attraverso l’attuazione di politiche pubbliche di sostegno alle imprese, abbassando i costi energetici, favorendo gli investimenti infrastrutturali, riducendo le tasse, tagliando il cuneo fiscale e incentivando l’internazionalizzazione della nostra economia. In secondo luogo, però, sarà necessario rassicurare gli istituti di credito dal raggiungimento di requisiti patrimoniali eccessivi in modo da rimettere in moto il flusso di denaro verso le imprese, in particolare per le piccole. Inoltre, le banche dovranno ritornare a gestire i propri bilanci con rigore e sobrietà, recuperando la fiducia dei risparmiatori che in questi ultimi anni si è affievolita”.  

Tab. 1 – In Italia le Commissioni nette (*) incidono molto di più sui ricavi 

Anno 2015

RANK
(per inc. % commissioni nette)

MARGINE DI INTERMEDIAZIONE (ricavi netti, in mln €)

di cui Commissioni nette

(mln €)

Inc. %
Commissioni nette
(su margine intermediazione)

ITALIA

81.234

29.675

36,5

FRANCIA

149.532

49.145

32,9

AUSTRIA

28.064

7.730

27,5

REGNO UNITO

206.542

56.300

27,3

BELGIO

21.972

5.865

26,7

GERMANIA

137.198

35.997

26,2

SPAGNA

106.872

24.416

22,8

PAESI BASSI

46.226

7.878

17,0

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Banca Centrale Europea

(*) Commissioni nette: aggregato costruito come differenza tra ricavi/entrate (commissioni attive su servizi erogati, prezzi di vendita di titoli e di valute ecc.) e costi/uscite (commissioni passive per servizi ricevuti, prezzi di acquisto di titoli e di valute ecc). I servizi bancari più noti riguardano i conto correnti, i servizi bancomat/carte di credito, i servizi di incasso/pagamento, le gestioni patrimoniali, l’intermediazione e il collocamento di titoli.

Tab. 2 - Commissioni nette in crescita: in Italia 5 miliardi in più in 7 anni

PAESE
(rank per var. % commissioni tra 2008 e 2015)

2008

(mln €)

2014

(mln €)

2015

(mln €)

Var. da inzio crisi

Var. ultimo anno

       

2015-2008 (mln €)

2015/2008 (%)

2015-2014 (mln €)

2015/2014 (%)

ITALIA

24.735

27.572

29.675

+4.940

+20,0

+2.102

+7,6

REGNO UNITO

50.485

69.574

56.300

+5.815

+11,5

-13.274

-19,1

FRANCIA

44.243

46.325

49.145

+4.902

+11,1

+2.820

+6,1

SPAGNA

22.916

23.384

24.416

+1.500

+6,5

+1.032

+4,4

GERMANIA

37.721

34.344

35.997

-1.724

-4,6

+1.654

+4,8

BELGIO

6.308

5.491

5.865

-443

-7,0

+374

+6,8

AUSTRIA

8.469

7.738

7.730

-739

-8,7

-8

-0,1

PAESI BASSI

10.794

7.754

7.878

-2.916

-27,0

+124

+1,6

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Banca Centrale Europea

Tab. 3 – Ricavi netti da interessi crollati di 13 miliardi in 7 anni (-25%)

Struttura ricavi banche italiane

2008

(mln €)

2014

(mln €)

2015

(mln €)

Var. da inzio crisi

Var. ultimo anno

       

2015-2008 (mln €)

2015/2008 (%)

2015-2014 (mln €)

2015/2014 (%)

Margine di interesse

51.608

39.329

38.565

-13.043

-25,3

-764

-1,9

Commissioni nette

24.735

27.572

29.675

+4.940

+20,0

+2.102

+7,6

Altri ricavi netti

1.979

11.362

12.994

+11.015

+556,5

+1.632

+14,4

Margine di intermediazione
(ricavi netti)

78.322

78.264

81.234

+2.911

+3,7

+2.970

+3,8

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Banca Centrale Europea

Note

Margine di interesse: è la differenza tra tassi di interesse attivi e passivi per la banca e registra gli interessi maturati su attività e passività, in contropartita con la clientela ordinaria ma anche con altre banche e altri operatori dei mercati finanziari. In particolare, il margine di interesse è determinato prevalentemente dai ricavi netti più prossimi all’attività caratteristica delle banche, ovvero derivanti dall’intermediazione creditizia. Il margine di interesse è sceso sia per la minore redditività derivante dall’appiattimento dei tassi sia per la stretta creditizia che ha accompagnato, ciclicamente, la fase di recessione.

Commissioni nette: aggregato costruito come differenza tra ricavi/entrate (commissioni attive su servizi erogati, prezzi di vendita di titoli e di valute ecc.) e costi/uscite (commissioni passive per servizi ricevuti, prezzi di acquisto di titoli e di valute ecc). I servizi bancari più noti riguardano i conto correnti, i servizi bancomat/carte di credito, i servizi di incasso/pagamento, le gestioni patrimoniali, l’intermediazione e il collocamento di titoli.

Altri ricavi netti: categoria che comprende tutta una serie di ricavi derivanti da attività extra-creditizie o “residuali”; queste riguardano prevalentemente attività di negoziazione (vendita di titoli, valute, strumenti di capitale) o assicurative.  

Tab. 4 - Costi strutturali più elevati per le banche in Italia (*)

Anno 2015

PAESE 

(rank per inc. spese operative)

SPESE OPERATIVE
(mln €, anno 2015)

TOTALE ATTIVITA'
(mln € al 31/12/2015)

Inc. %
Spese operative/
Totale Attività 

ITALIA

52.436

2.723.194

1,93

AUSTRIA

16.978

1.056.705

1,61

SPAGNA

54.196

3.664.411

1,48

FRANCIA

101.885

6.940.131

1,47

GERMANIA

100.310

6.954.900

1,44

BELGIO

12.872

970.287

1,33

REGNO UNITO

138.777

11.488.052

1,21

PAESI BASSI

26.628

2.527.686

1,05

SVEZIA (**)

15.629

1.622.434

0,96

DANIMARCA

8.183

871.289

0,94

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Banca Centrale Europea

(*) Per misurare la rilevanza dei costi strutturali bancari nei bilanci delle banche europee è stato calcolato il rapporto tra spese operative e totale attività. Le spese operative rappresentano il flusso annuale di tutti i compensi a dipendenti/collaboratori più tutti gli altri costi relativi alla gestione operativa come, ad esempio, servizi informatici, gestione immobili, generali di funzionamento, spese legali/professionali/pubblicitarie più le imposte indirette e le tasse; il totale delle attività rappresenta, invece, sostanzialmente la ricchezza delle banche ad un determinato istante temporale (in questo caso a fine anno). 

Il rapporto tra le spese operative e il totale delle attività è un indicatore noto in letteratura come total operating expenses in percentage of total assets: consente di valutare il peso dei costi operativi bancari nei diversi paesi. Prendendo in esame le prime 10 economie bancarie dell’Unione Europea (per volume del totale delle attività), l’Italia è quella che presenta l’indice più elevato (1,93%, un valore doppio rispetto a Svezia e Danimarca e di quasi 1,4 volte superiore rispetto alla Germania). Più della metà delle spese operative è in capo al personale; nel caso dell’Italia su un totale di 52,4 miliardi di euro di spese operative (anno 2015), il personale incide per più della metà (27,7 miliardi di euro). 

(**) Per la Svezia le spese operative sono state calcolate a partire dalla loro incidenza sul totale delle attività, in quanto il dato non era disponibile.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]