Visualizza articoli per tag: fiumicino

ROMA - E’ stato definito una fabbrica di precarietà, un tempo era la patria del posto di lavoro sicuro. Ancora oggi l’aeroporto di Fiumicino rappresenta uno dei più significativi distretti industriali del paese e con circa 37 milioni di passeggeri (fonte Enac) il principale aeroporto italiano in cui si è registrata una forte crescita del traffico internazionale.

Pubblicato in Lavoro

ROMA - Sono 44 i dipendenti della Wdfg (World duty free group) addetti alla vendita e all'amministrazione, ai quali, alla fine del mese, arriveranno le lettere di licenziamento.

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

ROMA - Non è stata una vigilia di Natale all’insegna dei preparativi per le festività per i 44 lavoratori, addetti alle vendite, presso alcuni degli esercizi commerciali all’interno degli aeroporti di Fiumicino e di Ciampino, ma l’ennesimo giorno di presidio di fronte la sede amministrativa di Aeroporti di Roma, la società che concede la gestione dei punti vendita.

Pubblicato in Lavoro
Etichettato sotto

ROMA - "L'aeroporto si allarga ...e la nostra terra sparisce". Questo è quanto recita il comunicato del Comitato Fuoripista di Fiumicino che da anni si batte contro il progetto dispendioso e dannoso per il vasto territorio coinvolto. Sabato 15 dicembre, infatti, i cittadini scenderanno ancora in piazza per manifestare il loro dissenso.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

CROTONE - «Bisogna cambiare la composizione della Corte costituzionale, cambiare i poteri del presidente della Repubblica e come in tutti i governi occidentali dare più potere al presidente del Consiglio e al Governo. Questa riforma è indispensabile e la presenteremo presto in Cdm». Lo afferma il premier Silvio Berlusconi, nel corso di un comizio a Crotone, parlando della riforma dell'architettura dello Stato. «In Parlamento avevamo approvato una legge di civiltà in base alla quale se una persona è assolta, non può essere richiamata nel girone dei processi, come invece accade in Italia perchè i pm vogliono portare avanti il loro teorema accusatorio, oppure per antipatia o per pregiudizio. Così un poveraccio ha la vita rovinata. Ai pm non piaceva questa legge e l'hanno portata alla Consulta, che è un organo politico e non più di garanzia ed è stata abrogata. Non si può andare avanti così» ha poi aggiunto.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Pagina 5 di 5

bianco.png