ITALIA
Marco Bazzoni

Marco Bazzoni

Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza-Firenze

Domenica, 24 Aprile 2016 19:16

Le morti sul lavoro non indignano più

Venerdì 22 Aprile sono morti a Nola 2 operai, travolti da un Tir impazzito, mentre effettuavano lavori di manutenzione. Gli altri 3 operai che sono stati investiti si trovano in codice giallo all'ospedale. 

ROMA - Il 2015 si è appena concluso e ma come questo anno ci sono stati così tanti morti sul lavoro, tanto che se ne è accorta pure l'Inail che negli ultimi 10 anni aveva parlato di calo costante delle morti sul lavoro (siamo sicuri che ci sia mai stato o forse è più un problema di riconoscimento degli infortuni mortali).

Flavio Insinna, recita magistralmente la poesia "Morti bianche" di Carlo Soricelli, direttore dell'Osservatorio Indipendente di Bologna sulle morti sul lavoro

ROMA - L'Inail è l'Istituto Nazionale per gli Infortuni sul Lavoro. E' una forma di assicurazione pagata da tutti per tutelare quelli che secondo l'Articolo 1 della Costituzione sono i pilastri del nostro Paese: i lavoratori.

ROMA - Di seguito troverete la nota ufficiale dell'Ufficio Salute e Sicurezza sul Lavoro della Fiom Nazionale sugli infortuni sul lavoro, che critica duramente le recenti  dichiarazioni di Governo e dell'Inail, che parlano di dati ottimistici  e cita i dati dell'Osservatorio Indipendente di Bologna, diretto da Carlo Soricelli, che invece dimostra -  casomai qualcuno avesse ancora qualche dubbio -  che gli infortuni mortali sul lavoro sono in forte aumento rispetto al 2010.

Venerdì, 04 Marzo 2011 17:24

Morti sul lavoro. L'Inail da i numeri

ROMA - Oggi sono usciti i dati Inail, che rilevano che nel 2010 gli infortuni mortali sul lavoro sono scesi sotto quota 1000 (per essere esatti 980), con un calo del 6,9% rispetto agli infortuni mortali del 2009 (1053).

ROMA - E' una telefonata disperata quella di Rosario D'amico:suo padre Antonio D'Amico morì il 6 Marzo del 2002 allo Stabilimento Fiat di Pomigliano D'arco, schiacciato da un muletto guidato da un precario.        Giovedì 22 marzo 2012 è stata emessa la sentenza che ha prescritto il reato . Così la morte di Antonio D'amico resta impunita: insomma l'ennesimo scandalo.

ROMA - In questa Italia, può accadere, che mentre si lavora in nero in un'azienda di confezionamento di frutta e verdura, si venga schiacciati da un muletto, e che il tuo datore di lavoro, non si scomponga più di tanto, e ti regolarizzi, mezz'ora dopo.

ROMA - Oggi il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione della 61 giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro, ha inviato un messaggio al Presidente dell'Anmil, dicendo che "gli infortuni e le morti sul lavoro costituiscono un fenomeno sempre inaccettabile e che non può abbassarsi la guardia riducendo gli investimenti nel campo della prevenzione e della sicurezza sul lavoro".

ROMA - Altra giornata di lavoro nella penisola italiana, altro bollettino di guerra sul lavoro. Ieri ne sono morti 3, due operai e un impreditore edile. Questa strage quotidiana non stupisce più nessuno, e pochi hanno ancora la forza di indignarsi e reagire.

Pagina 1 di 2

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]