Mercoledì, 26 Settembre 2012 12:53

Siria. Giornalista ucciso in diretta. E' strage di civili

Scritto da
Late Maya Naser, il corrispondente in Siria Late Maya Naser, il corrispondente in Siria

DAMASCO - L'emittente iraniana in inglese Press Tv denuncia l'uccisione, per mano di "insorti" a Damasco, di Late Maya Naser, il proprio corrispondente in Siria freddato  durante un collegamento.

Ferito un secondo giornalista. Entrambi sono stati colpiti mentre seguivano gli sviluppi dell'attacco contro la sede dello stato maggiore. Ed è ancora strage di civili in Siria. Sedici persone, tra cui donne e bimbi, sono stati "giustiziati" nella capitale da miliziani schierati con il regime. L'Osservatorio siriano dei diritti umani afferma che i miliziani hanno fatto irruzione all'alba in tre case del sobborgo di Barzé e hanno aperto il fuoco.
Nel frattempo altro macabro ritrovamento. Oltre 60 corpi senza vita e con segni di spari di arma da fuoco o di ferite di arma da taglio sono stati rinvenuti oggi in due diverse località nei pressi di Damasco. Lo riferiscono i comitati di coordimamento locali, secondo cui circa 50 salme, tra cui quelle di donne e bambini, sono state trovate a Dhiyabiya, mentre circa 15 a Barze.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]