Domenica, 16 Febbraio 2014 16:43

Egitto, Siria, Turchia e le stragi infinite

Scritto da

ROMA - Sono ore calde quelle che stanno vivendo Egitto, Siria e Turchia.

In Egitto un bus è esploso uccidendo quattro persone e ferendone altre 29, di cui 15 in modo grave, le autorità egiziane hanno confermato che si tratta di un attacco terroristico in quanto nell'autobus sono stati ritrovati resti umani riconducibili a un kamikaze.

Le vittime erano tutte di nazionalità Coreana. L'esplosione è avvenuta a Taba al confine tra Egitto e Israele mentre il bus tornava dal monastero di Santa Caterina.

Al momento è al lavoro anche la Farnesina per cercare di capire se nell'incidente siano coinvolti anche nostri connazionali. Al confine da mesi si sta lavorando alla "zona di cuscinetto"  tra il Sinai Egiziano e la striscia di Gaza. Il progetto prevede la demolizione di sette abitazioni e la neutralizzazione dei tunnel che vengono usati per il contrabbando. Si prevede che questa zona avrà una larghezza di 300 metri e dovrebbe aiutare a tenere al meglio la situazione sotto controllo in tutta la zona.

In Turchia la situazione non è migliore poiché i militanti Curdi si sono scontrati a colpi di pietre e lacrimogeni con la polizia nella provincia di Cizre. Tutto questo è avvenuto durante il quindicesimo anniversario dell'arresto di Abdulla Öcalan, storico leader del partito dei Lavoratori Curdo, il quale dopo essere stato riportato in turchia venne condannato all'ergastolo, da anni i Curdi lottano per la liberazione.

Intanto in Siria a Damasco si vivono ore difficili, la città è blindata e ogni tanto volano dei mortai da varie zone della città.

Da poco l' ONDUS (osservatorio nazionale per i diritti umani in siria) ha pubblicato dei dati riferiti al numero di vittime negli ultimi tre anni di violenze: oltre 140 mila, tra cui 50 mila civili  compresi donne e bambini.

A Ginevra è terminato da poco il secondo round di colloqui tra regime e opposizione in esilio, che è terminato ancora con un nulla di fatto.

Il mediatore dell'Onu, Lakhdar Brahimi, si è scusato per questo pubblicamente con tutto il popolo Siriano dicendo che a suo parere "sia meglio che ogni parte torni a casa, rifletta e assuma la responsabilità di sapere se  vuole che questo processo di pace si svolga o no", ma purtroppo ancora oggi la pace sembra lontana e il numero di vittime non si arresta.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]