Martedì, 31 Marzo 2015 13:26

Turchia, blackout in 44 province. Probabile attacco terroristico

Scritto da

ANKARA - Le autorità turche non escludono l'ipotesi dell'attacco terroristico per il blackout che ha colpito almeno 44 province del paese, comprese Istanbul e Ankara. Lo ha detto  il primo ministro Ahmet Davutoglu, spiegando che sono in corso  indagini e si valutano tutte le ipotesi.

Fonti citate dal quotidiano Hurriyet hanno spiegato che il mega blackout è stato originato da un guasto tecnico nel sistema della compagnia Teias, che gestisce la rete elettrica. Il ministro dell'Energia, Taner Yildiz, ha escluso che ci sia un problema di approvvigionamento energetico. "Ma - ha aggiunto - non posso dire se si sia trattato o meno di un attacco informatico".

Il blackout, il più grave degli ultimi 15 anni in Turchia, sta provocando numerosi disagi, come l'interruzione dei servizi di metropolitana e tram a Istanbul. Nella provincia occidentale di Kocaeli, uno dei poli industriali della Turchia, numerose fabbriche sono rimaste chiuse. Notizie circolate in mattinata su una "forte esplosione" nella provincia non sono state confermate.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]