Martedì, 09 Agosto 2016 09:47

Il Giappone ricorda le vittime innocenti di Nagasaki

Scritto da

TOKYO - Un appello a costruire un mondo libero dalle armi nucleari è stato lanciato dal sindaco di Nagasaki, Tomihisa Taue, nel 71mo anniversario del lancio della bomba atomica sulla città giapponese, il 9 agosto 1945.

Alla cerimonia di omaggio alle vittime hanno preso parte migliaia di persone, tra loro i rappresentanti di 53 paesi, dell''Ue e dell''Onu, riuniti nel Parco della Pace. "Ora è tempo che tutti voi uniate quanto possibile la vostra saggezza comune, per agire in modo da non pregiudicare il futuro dell''umanità", ha affermato il primo cittadino della città nipponica. Per poi lanciare un appello diretto al governo di Tokio perché non dipenda dagli Stati Uniti in materia di deterrenza nucleare. Il governo, ha esortato, deve tradurre in legge i tre principi cardine cui il paese si ispira in questo settore e che escludono la possibilità di produrre, possedere o autorizzare armi nucleari sul territorio nipponico, divieti al momento non vincolanti. La bomba su Nagasaki - tre giorni dopo quella su Hiroshima - fece 74mila morti.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]