Visualizza articoli per tag: terrorista

LONDRA  - Tensione ieri sera vicino a Buckingham Palace a Londra. Un uomo è stato arrestato dopo aver aggredito con un coltello alcuni poliziotti davanti alla residenza reale.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

BRUXELLES - Salah Abdeslam si nasconde nella zona di Bruxelles e ha chiamato alcuni amici per chiedere aiuto per fuggire in Siria: lo riferisce il sito dell'emittente americana Abc News che cita due amici che hanno chiesto l'anonimato.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

PARIGI - I servizi di sicurezza belgi ritengono di avere individuato il regista degli attentati a Parigi: si tratterebbe, riferisce il sito di Rtl.be dei Abdelhamid Abaaud, considerato il cervello della cellula terroristica smantellata a Verviers all'inizio dell'anno. 

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

PALMIRA (SIRIA) - I jihadisti dello Stato Islamico hanno fatto saltare in aria un celebre tempio della città antica di Palmira, patrimonio dell'umanità.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

RIO DE JANEIRO - La Corte federale brasiliana ha ordinato l'espulsione di Cesare Battisti dal Brasile. La notizia è stata diffusa da alcuni media locali, citando fonti giudiziarie. "Siamo stati informati della decisione ma ancora non c'è una data", ha detto l'avvocato di Battisti Igor Sant'Anna Tamasauskas citato dal sito.

Il governo federale brasiliano aveva concesso lo status di rifugiato politico all'ex terrorista, nel 2009. 

In Italia Battisti era stato condannato in contumacia a due ergastoli per  acer commesso quattro omicidi durante gli anni di piombo.

Battisti dall'Italia era fuggito in Francia dove aveva vissuto per anni da latitante, grazie alla cosiddetta "dottrina Mitterand". Quando nel 2004 però le autorità francesi lo arrestarono e concessero l'estradizione verso l'Italia, Battisti riuscì a fuggire rifugiandosi in Brasile, dove venne arrestato nel 2007 a Rio de Janeiro. Fu l'ex presidente brasiliano Luis Inacio Lula da Silva a respingere la richiesta di estradizione presentata dall’Italia e, come ultimo atto del suo mandato, gli concesse lo status di rifugiato politico.  Si tratta del caso di un cittadino straniero con una situazione irregolare che, in quanto condannato per crimini nel suo Paese di origine, non ha diritto a rimanere in Brasile.

Oggi dunque risulta annullat l'atto di concessione della residenza di Battisti in Brasile. Il giudice ha precisato che “Gli istituti di espulsione e estradizione sono ben distinti. L'espulsione non contraddice la decisione del presidente della Repubblica di non estradare, visto che non è necessaria la consegna del cittadino straniero al suo Paese di origine, in questo caso l'Italia, potendo essere espulso verso un altro Paese disposto ad accoglierlo”.

Tuttavia l’ex terrorista potrebbe essere espulso verso la Francia o anche il Messico. La giudice federale di Brasilia Adverci Rates Mendes de Abreu, che gli ha revocato il visto di residenza in Brasile, ha infatti sollecitato il governo a verificare la possibilità di consegnare Battisti alle autorità dei Paesi in cui aveva soggiornato subito dopo la fuga dall'Italia.  

La sentenza non è stata al momento ancora pubblicata. Dopo la pubblicazione, sarà possibile presentare ricorso come ha già riferito l'avvocato.

Pubblicato in Primo piano

"Parcheggiato” nello studio sbagliato

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

PARIGI - Hayat Boumeddiene, la 26enne ricercata per la sparatoria di Montrouge sarebbe riuscita a sfuggire alle forze dell'ordine confondendosi tra gli ostaggi del negozio ebraico a Porte de Vincennes negli attimi di confusione che hanno seguito il blitz delle forze speciali.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ROMA - Ecco la risposta alla strage di Parigi dei vignettisti Pietro Gorini e Gianfranco Tartaglia che sotto la firma di PassePartout ogni giorno donano ai nostri lettori spunti di riflessioni originalissimi sui molteplici avvenimenti della vita politica e sociale.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Mercoledì, 24 Settembre 2014 14:43

Australia. Ucciso sospetto terrorista islamico. IL VIDEO

Un sospetto militante del cosiddetto Stato Islamico è stato ucciso da un agente nei pressi di un commissariato alla periferia di Melbourne. Il poliziotto ha sparato dopo essere stato aggredito con un coltello, e ferito insieme ad un altro collega, dal presunto terrorista, un diciottenne.

Pubblicato in Mondo
Etichettato sotto

ISTANBUL – "A partire da questo momento, qualsiasi persona che si troverà lì, a malincuore sarà considerata dallo stato come membro di una organizzazione terrorista".

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto