Giovedì, 18 Aprile 2013 12:55

Quirinale. Seconda fumata nera. Rodotà il più votato

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

ULTIMORA - Fumata nera al secondo scrutinio per eleggere il Presidente della Repubblica. Il più votato è Stefano Rodotà, che però non raggiungerà la soglia dei due terzi dell'Assemblea, pari a 672 voti.

La seconda votazione si è caratterizzata per l'altissimo numero di schede bianche, precisamente 418. I voti dispersi sono stati 41, 14 sono  le schede nulle, mentre Rodotà arriva a quota 230 voti, seguio da Chiamparino a 90 e D'Alema a 38. A seguire Marini 15, Mussolini 15, Prodi 13, Bonino 10, De Caprio 9, Sibilia 7, Bindi 6, Severino 5, Berlusconi 4, Bersani 4, Fini 4, Napolitano 4, Merlo 3, Cucuzza 2, Forlani 2, Grasso 2, Maniscalco 2, Palmieri 2, Sabelli Fioretti 2, Santanchè 2, Versace 2. Domani la terza e ultima votazione con la soglia qualificata dei due terzi dell'Assemblea, pari a 672 voti. E sempre per domani mattina è stata convocata  alle 9.40 nella sala della Regina di Montecitorio la conferenza dei capigruppo congiunta di Camera e Senato

Insomma, nulla di fatto. "È la democrazia, è la democrazia", sottolinea la presidente della Camera, Laura Boldrini, ai giornalisti che, all'uscita dall'aula di Montecitorio, le chiedono se si registri uno stallo per l'elezione del Presidente della Repubblica. È la democrazia che è in «itinere, in fieri», dice ancora la terza carica dello Stato. Alle insistenze dei giornalisti che domandano se con la terza votazione, prevista per domani, si arriverà ad una decisione, replica: «Vedremo. Non spetta a me decidere. Decidono i partiti".
 

Il Movimento 5 Stelle fa sapere, intanto, che porterà avanti il nome di Stefano Rodotà fino alla quarta votazione. "Rodotà - ha detto Grillo dal palco di Trieste dove sta tenendo un comizio - è un 80enne con lo spirito di ragazzino, un uomo che è fuori dai giochi, che è a garanzia dell'etica, non dei poteri finanziari". E su Bersani il comico genovese aggiunge: "Avessi fatto io quel che ha fatto Bersani sarei dovuto andare via dall'Italia"."Bersani si è chiuso in una stanza, di notte, con Berlusconi per decidere il presidente della Repubblica". Bersani, dal canto suo, prende atto che l'Italia è entrata in una  fase nuova. "A questo punto penso tocchi al Partito Democratico la responsabilità di avanzare una proposta a tutto il Parlamento. Questa proposta sarà, come nostro costume, decisa con metodo democratico nell`assemblea dei nostri grandi elettori".

Matteo Renzi, invece, continua a non apprezzare la scelta di Bersani. "È evidente che Marini è saltato...". Il sindaco di Firenze aggiunge che stasera non vedrà Bersani e che  forse è più utile che a Roma ci vada domani.

 


 

La prima votazione. Franco Marini non ce la fa, il Pd si spacca

Franco Marini non ce l'ha fatta alla prima votazione. Anzi, il suo risultato, pari ai 521 voti segna un risultato anco più negativo di quanto si poteva presumere stante alla clamorosa spaccatura del partito democratico.

A chi chiede se ill Pd sta eplodendo?  Bersani risponde. "sono preoccupato per l'Italia non per me. Vi sembra troppo solenne?. Presto ci sarà un'altra  riunione con i grandi elettori e una soluzione si troverà".

Intanto Stefano Rodotà insacca, invece 240 voti, seguito da Sergio Chiamparino con 41 voti  provenienti con tutta probabilità dall'area di Matteo Renzi. Seguono Romano Prodi,  con 14 voti, Emma Bonino con 13, Massimo D'Alema 12, Giorgio Napolitano 10, Anna Finocchiaro con 7 e Annamaria Cancellieri con 2.
Ma non è finita qui. Al momento ci sono 15 schede nulle e 104 bianche, che la dicono lunga sul clima di questa votazione, in cui è matematicamente impossibile che Marini possa raggiungere le agognate 672 preferenze, anche perchè approssimativamente moltissimi del  Pd non hanno dato la loro preferenza a Marini. Un'ipotesi che Ignazio Marino aveva ventilato proprio questa mattina durante un'intervista a La7. Come Laura Puppato, senatrice del Partito Democratico che dai microfoni di Radio2  ha detto: "Non ho votato per Marini, ero indecisa tra scheda bianca e Rodotà, alla fine ho votato Rodotà. Pierluigi Bersani - precisa la Puppato -  ha fatto cose straordinarie fino a ieri, poi ha fatto una cosa che non ho capito: ha virato in mare aperto quando stava per entrare in porto. Cosa è cambiato? Mi piacerebbe capirlo".
Anche Alessandra Moretti, deputata bersaniana doc, non ce l'ha fatta e ha preferito votare scheda bianca, come lei stessa informa in un tweet: "La ricerca di un'ampia intesa parlamentare non può dividere il PD, nè ignorare la voce del paese reale".
Insomma la bocciatura di Marini, arriva soprattutto dai voti contrari e dalle astensioni nel Pd, anche se molti facendo una mano di conti affermano che anche nel Pdl ci sono state delle defezioni. Nella maggioranza del Pd si punta l'indice contro chi ha trasformato quella del Quirinale in una battaglia personale, a cominciare da Matteo Renzi che vuole scongiurare a tutti costi l'ipotesi di un governo Bersani. C'è chi si spinge a ricordare che in un altro gruppo chi non si fosse adeguato alle decisioni della maggioranza sarebbe stato espulso. Ma soprattutto, spiegano in Transatlantico, pesa anche il dissenso verso l'accordo fatto con il Pdl.

Il Pd, intanto, visto i risultati, sembra abbia dato indicazioni ai suoi grandi elettori di votare scheda bianca non solo alla seconda, ma anche alla terza votazione.
Insomma una sconfitta pesantissima per Bersani. Anche la  Lega fa sapere che non parteciperà alla seconda e alla terza votazione per il Quirinale.

 Le foto della protesta a Montecitorio

Alle 16 si vota ancora

Tra senatori , deputati e delegati regionali sono 1.007 i grandi elettori. Oltre alla votazione di questa mattina ne seguirà un'altra alle 16. Ricordiamo che per i primi tre scrutini sarà necessaria la maggioranza dei due terzi, ovvero 672 voti. Dalla quarta sarà sufficiente la maggioranza assoluta, a quota 504. A votare saranno 630 deputati, i 319 senatori, compresi i 4 a vita e i 58 delegati regionali (tre per ogni regione, tranne la Val d'Aosta che ne ha uno solo). Sulla carta il centrosinistra può contare su 496 voti, il centrodestra su 270, Scelta civica ha 70 'grandi elettori' e Il MoVimento 5 Stelle conta su 162 voti.

Ultima modifica il Giovedì, 18 Aprile 2013 19:27
Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

bianco.png