Giovedì, 13 Ottobre 2011 14:10

La Bce annuncia una nuova manovra in Italia

Scritto da

ROMA - Sarà anche stato detto in uno strano dialetto finanziarese ma la sostanza delle affermazioni contenute nel bollettino mensile della Bce lasciano presagire un nuovo intervento da parte del nostro governo.


L’istituto di Francoforte fa infatti appello a tutti i paesi "particolarmente vulnerabili" alle tensioni dei mercati, e di questi tempi pochi sono i paesi più vulnerabili del nostro. L’invito della Bce mira in particolare a stimolare le economie europee finanziariamente più deboli a tenere salda la barra del timone e a far loro tener ben presente che questi paesi: "devono attuare in modo inequivocabile tutti i provvedimenti annunciati per il riequilibrio dei conti pubblici e il rafforzamento dell'assetto nazionale di finanza pubblica. Inoltre devono essere pronti ad adottare eventuali misure aggiuntive che possono rendersi necessarie in funzione dell'evolversi della situazione".


L'istituto di Francoforte nota inoltre che nell'ultimo mese lo spread sui Btp italiani si e' a più riprese riavvicinato "ai livelli osservati in agosto, prima che la Bce decidesse di riattivare il Programma per il mercato dei titoli finanziari".
Tra i fattori che hanno determinato questa situazione Francoforte ricorda i "due declassamenti" di rating che hanno riguardato il nostro paese..
La Bce nel bollettino mensile si sofferma anche sui differenziali di rendimento dei titoli di stato di eurolandia rispetto al ‘porto sicuro’ dei Bund tedeschi, questi differenziali si sono infatti “ulteriormente ampliati per la maggior parte dei paesi. Allo stesso tempo, la domanda di titoli di Stato liquidi e con merito di credito elevato ha continuato a deprimere i rendimenti delle obbligazioni sovrane tedesche.”
La situazione descritta di spread crescenti per i paesi dell’area euro e di titoli tedeschi con rendimenti ai minimi viene vista come riconducibile, principalmente: “alla complessita' delle trattative con la Grecia sul programma di risanamento nonche' alle incertezze in merito alla forma e alla tempistica dell'ulteriore sostegno.
Oltre al fatto che “i timori di una propagazione della crisi ad altri paesi dell'area dell'euro hanno continuato a gravare sul clima di mercato” Per reagire al rischio di contagio, ovvero alla possibilità che la caduta di un paese trascini nel baratro del default l’intero scacchiere europeo, la Bce sottolinea come sia “necessario che tutti i governi prendano misure incisive, concentrate nelle fasi iniziali dei periodi di programmazione, per rafforzare la fiducia dei cittadini nella sostenibilita' delle finanze pubbliche.”
Ed è proprio il riferimento esplicito alle fasi iniziali del periodo di programmazione, ovvero al qui e adesso, che potrebbe stimolare l’adozione di nuove misure economiche in Italia.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

bianco.png