Venerdì, 04 Maggio 2012 10:30

Da imprenditore a sequestratore. La via dell'esasperazione è dietro l'angolo

Scritto da

ROMA - E' finita con uno scrosciante applauso la vicenda di Luigi Martinelli, l'uomo di 54 anni che ieri aveva fatto irruzione  armato di un fucile e due pistole nella sede dell'Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia.

Dopo la resa è uscito e ha chiesto scusa: "non ho i soldi per vivere" ha detto stringendo la mano al brigadiere che lo ha convinto ad arrendersi. E così la sua disperazione si è riversata all'esterno come  un fiume in piena, perchè quello che sta attraversando Luigi accomuna molte di quelle persone che hanno atteso  con un nodo alla gola l'epilogo di un incubo durato sei ore,  che non è frutto di un'azione criminale fine a se stessa, ma della disperazione di un uomo.
Luigi, infatti, di problemi ne ha davvero tanti  e questi possono addirittura schiacciarti come una mosca se vivi in un Paese che non è ultimo a nessuno per pressione fiscale e per erogare gli stipendi più bassi d'Europa. Insomma il passo è breve e la vita di ognuno di noi può trasformarsi improvvisamente in un vero e proprio inferno. Lungi dal giustificare il gesto estremo di quest'uomo che fortunatamente si è concluso senza spargimenti di sangue, ma questa vicenda non va assolutamente presa sotto gamba. Soprattutto da chi tra tagli e riforme ha perso di vista la vita reale delle persone, del loro quotidiano costellato di incertezze e di delusioni, di peripezie per sbarcare il lunario, di bocconi amari digeriti con le lacrime agli occhi,   con la consapevolezza che questo "presente futuro" è avvolto da quel buio profondo che non lascia spazio alla speranza.


Luigi ha sorpreso tutti, perfino gli amici che lo conoscevano e che lo descrivono come una persona  normale e un gran lavoratore. Da ex imprenditore di un'impresa di pulizie alla disoccupazione il passo potrebbe essere stato fatale. E poi la separazione dalla moglie che  ha probabilmente amplificato la sua condizione di solitudine.  Ma c'è dell'altro che sembra essere la vera causa che ha fatto scatare il folle gesto. Luigi aveva debiti proprio con l'erario che avanza 1.000 euro e pare non ci fosse la concreta possibilità di onorarli nei tempi dovuti. Nessuno sapeva di questa condizione, nemmeno i suoi amici più stretti, perchè come spesso accade la vergogna prende il sopravvento in taluni frangenti e chi  sente il suo insopportabile peso  preferisce ingannare se stesso e gli altri piuttosto che raccontare un'amara verità che inevitabilmente scalfirebbe quel sentimento che si chiama dignità.
Subentra la frustrazione, la delusione e tanta rabbia perchè chi cade nella rete dell'improbabilità finisce per essere dimenticato, perde anche quei pochi punti di riferimento che un paese che si definisce civile e democratico dovrebbe garantire ai suoi cittadini, dando quel minimo di tutele e garanzie per coloro che precipitano in situazioni nelle quali non trovano sostegno, soluzioni e soprattutto risposte.
Perchè oggi una cosa è certa. Lo stato di diritto in questo Paese ha cessato di esistere.

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]