Venerdì, 08 Gennaio 2016 19:59

Assenteismo: guai per i dipendenti del museo

Scritto da

ROMA -  "I fatti emersi dalle indagini sui casi di assenteismo al Museo nazionale di Arti e tradizioni popolari, sono gravi e gettano discredito su tutto il lavoro pubblico".

E' questo il commento della Cgil dopo aver appreso che nove dipendenti pubblici timbravano il cartellino senza praticamente fare il turno di lavoro. "Furbetti",  smascherati dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma . Ora il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti dei nove  coinvolti nell'indagine "Museum" coordinata dalla Procura di Roma e condotta dal Nucleo Operativo di Roma EUR del Comando Provinciale di Roma dell'Arma dei Carabinieri.

Il procedimento disciplinare potrà portare, a seconda della gravità dei fatti accertati commessi, dalla sospensione dello stipendio fino alla messa in mobilità e al successivo licenziamento del dipendente. Il ministero ha inoltre chiesto al direttore del museo una relazione dettagliata sul caso e ha avviato una indagine

amministrativa. Così si legge in una nota del MiBACT .  

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]