Domenica, 20 Gennaio 2013 21:45

Festival delle scienze. Buddismo e scienza: la via del nirvana è lastricata di saggezza

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Si conclude oggi, domenica 20 gennaio, all’Auditorium Parco della Musica, l’ottava edizione del Festival delle Scienze.

Manifestazione che ha registrato in quattro giorni circa 25.000 presenze. Sale strapiene, tutto esaurito per incontri e lectio magistralis,  lunghe code ai botteghini, anche per la scelta opportuna  di mantenere “simbolico” il prezzo dei biglietti: solo 2 euro, come per le passate edizioni.

Nell’atrio dell’auditorium, ragazze e ragazzi dello staff sono andati incontro al pubblico con cartelli che offrivano baci e abbracci gratis: il messaggio è chiaro, la felicità è amore.

Questo pomeriggio, in sala Petrassi, è stata la volta di Thomas Bien, che ha intrattenuto sul tema buddismo e scienza. Com’è noto il buddismo – che il Dalai Lama definisce una scienza della mente – è  filosofia e religione insieme, ha come fine la felicità su questa terra. Thomas Bien, psicologo, esercita ad Albuquerque, nel New Mexico. Ha conseguito una laurea summa cum laude presso la Rutgers College, un master di teologia a Princeton, un dottorato in psicologia clinica presso l'Università del New Mexico.  Il suo lavoro è all'avanguardia nell'integrazione di psicologia, consapevolezza, e spiritualità. E’ noto a livello internazionale. Autore del testo “La via del Buddha alla felicità”, sta lavorando al suo sesto libro. Insegna Mindful Living, Mindful Therapy, Life-Changing Insights of the Buddha: consapevolezza della vita, terapia della consapevolezza, cambiamenti all’interno del Budda. 

Avrebbe dovuto affiancare Thomas Bien in Sala Petrassi il chimico Pierluigi Luisi, per un confronto su buddismo e scienza. Purtroppo quest’ultimo non era presente e la platea è stata tutta per il professor Bien,  che ha parlato a lungo del nesso che esiste tra la felicità e la pratica buddista.

Thomas Bien ha sostenuto che la felicità è un vero e proprio allenamento. Ha invitato chiudere gli occhi, a inspirare ed espirare secondo le regole della meditazione. Ha chiarito come più ci si lascia andare più si diventa felici. Ha illustrato, attraverso un grafico, come la felicità dipenda al 50% da fattori genetici, al 40% dalla nostra azione e volontà, solo un 10% dalle circostanze.

Secondo Bean nella ricerca della felicità non sono importanti i traguardi da raggiungere, avere un fine non è necessario: non è necessario correre tutto il tempo, semmai combattere lo stress. Ha aggiunto che il buddismo considera molto importante l’accettazione della sofferenza.

Se si sia felici perché ricchi, o piuttosto ricchi perché felici, é  un punto, secondo Bien, da chiarire. Bien ha dimostrato che chi possiede un miliardo, non diventa più ricco perché ne possiede due. Ovviamente la miseria abietta non rende felici, ma il denaro può anche rappresentare una difficoltà. 

Di Thomas Bien è apparso chiaro l’equilibrio, l’apertura ad altre correnti di pensiero, la necessità di non essere dogmatici. Il dogma del resto sarebbe il contrario dello spirito buddista. Bisogna ricordarsi insomma di essere polvere e che alla polvere torneremo. O,  se vogliamo all’acqua, visto che siamo acqua al 70%. La via del nirvana insomma è lastricata di saggezza.

 

 

Read 7021 times
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

1 comment

  • Comment Link Claudio Vestrini Martedì, 29 Gennaio 2013 15:58 posted by Claudio Vestrini

    Dopo anni di meditazione buddista, pur essendo di famiglia cattolica, vorrei lasciare un piccolo contributo all'articolo,Il mio pensiero su che cosa è il Nirvana.

    Sei quello che sei in un mondo che è come è, perché farsi problemi senza accettare tutto come è?
    Tanto che tu lo voglia o no, che tu faccia resistenza o no, le cose sono come sono.
    Si nasce, si vive, si muore. Chi sei tu per dire di no?
    Le varie credenze religiose, le varie filosofie o tecniche trascendentali, le numerose forme di meditazione, auto analisi, portano al mancato raggiungimento di una vaga promessa,sia essa il Nirvana o la vita eterna,verso mondi sognati e mai realizzabili.
    Nascono per sconfiggere il dolore, la paura della morte, quindi il loro intento è nobile ma secondo me fallimentare.
    Anche i vari modi per accaparrare false sicurezze, come carriera, lavoro e business, portano al mancato raggiungimento di altrettante vaghe promesse. Si può stare bene qui ed ora, basta non fare nulla per uscire dal qui ed ora. Questo per me è il Nirvana!
    Esso è sempre disponibile, ma noi con i pensieri ci allontaniamo.
    Torniamo a noi stessi in modo semplice e senza sforzo.
    Basta, abbassare la guardia ed evitare di far resistenza a tutto ciò che accade, a noi stessi al mondo. Rilasciamo questa tensione, questa contrattura portata all’autodifesa dal mondo, apriamoci e accettiamo noi stessi, il mondo, la vita e le sue regole, siano esse giuste o sbagliate.
    Se si è malati curiamoci, chi dice di no?
    Se si ha fame cerchiamo del cibo.
    Se si e soli cerchiamo compagnia.
    Agiamo naturalmente secondo ciò che ci pare opportuno.
    Accettiamo di essere ignoranti, di non poter sapere tutto o spiegare tutto, accettiamo di essere fragili, accettiamo il nostro passaggio su questa terra senza, per forza volere l’eternità.
    Che ne sappiamo noi?
    La vita è un immenso tutt’uno di cui noi siamo parte, o forse no! Perchè contrarci ritenendoci scienziati, noi qui ed il mondo fuori?
    Ho visro personalmente che rilasciando la tensione, abbandonando le paure, da solo sgorga l’amore e ci accorgiamo che è il nostro vero stato naturale.
    La vita è l’unica cosa che c’è e noi ne siamo parte, per questo dovremmo essere qui, senza alcun secondo pensiero.


    Un saluto a tutti.
    Claudio Vestrini

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Cultura

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]