Venerdì, 12 Giugno 2020 13:54

Università di Torino. Team di ricercatori ottengono informazioni molecolari su mummia egizia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Grazie ad un’innovativa tecnologia finora utilizzata solo per lo studio di manoscritti, tessili e dipinti risalenti al massimo a qualche centinaio di anni fa, il team di ricercatori è riuscito a sequenziare le proteine della pelle mummificata e a caratterizzare il microbioma presente sulla superficie del corpo di una giovane donna vissuta a Gebelein (Alto Egitto) durante l’Antico Regno, oltre 4000 anni fa. I rice

rcatori del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università di Torino, alla guida di un team internazionale, sono riusciti ad ottenere informazioni molecolari da una mummia dell’Antico Egitto senza pregiudicare l’integrità del reperto. Per lo studio è stata utilizzata una metodologia innovativa basata sul contatto tra la pelle della mummia ed una membrana che estrae le proteine presenti sulla superficie in modo non invasivo, rendendole disponibili per le analisi: si tratta di una membrana di etilene vinil acetato, “EVA”, funzionalizzata con un medium cromatografico.

Grazie a questa tecnologia, sviluppata dal Politecnico di Milano e da Spectrophon Ltd e finora utilizzata solo per lo studio di manoscritti, tessili e dipinti risalenti al massimo a qualche centinaio di anni fa, il team è riuscito a sequenziare le proteine della pelle mummificata e a caratterizzare il microbioma presente sulla superficie del corpo di una giovane donna vissuta a Gebelein (Alto Egitto) durante l’Antico Regno, oltre 4000 anni fa. La mummia, rinvenuta negli anni Venti del secolo scorso durante gli scavi della Missione Archeologica Italiana (M.A.I.), è custodita presso il Museo di Antropologia ed Etnografia dell’Università di Torino (MAET). Lo studio del microbioma ha permesso la scoperta di potenziali microrganismi del degrado, un dato importante per progettare il futuro monitoraggio dello stato di conservazione della mummia.

Lo studio, dal titolo “Never Boring: Non-invasive Palaeoproteomics Of Mummified Human Skin”, pubblicato oggi nella rivista scientifica Journal of Archaeological Science, rivela inoltre dettagli inediti sul processo di mummificazione a cui è stato sottoposto il corpo. Grazie alla collaborazione con l’Università di Pisa è stato infatti possibile svelare la presenza di una resina di Pinaceae sulla pelle e sui tessuti che rivestono il corpo, tra i quali spicca una rarissima tunica plissettata. Il dato è estremamente interessante poiché le informazioni che oggi disponiamo sui procedimenti di imbalsamazione durante le prime dinastie dell’Antico Regno sono piuttosto sporadiche. I risultati di questo studio vanno a colmare alcune di queste carenze fornendo dati inediti sulle materie prime utilizzate nella rit ualità funeraria riservata a una giovane donna, molto verosimilmente appartenente ad un rango medio-alto della comunità, vissuta in una provincia tra le più importanti dell’Alto Egitto.

Il team di UniTo, oltre al capofila Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, comprende anche staff del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione e dell’Open Access lab di Spettrometria di Massa.

La Prof.ssa Beatrice Demarchi del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università di Torino, primo autore dello studio, sottolinea: “La collaborazione tra i diversi Dipartimenti di Unito con le Università di Pisa e Cambridge, il Politecnico di Milano e la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, permetterà di utilizzare la stessa tecnica per studiare l’intera collezione di mummie del Museo di Antropologia ed Etnografia dell’Università di Torino. Questo ci consentirà di ottenere preziose informazioni sullo stile di vita, incluso lo stato di salute o la presenza di patologie, e sull’evoluzione delle pratiche di imbalsamazione a partire dalle epoche Predinastiche fino all’età Tolemaica”.

Read 2402 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]