Lunedì, 24 Agosto 2020 11:09

Ricerca. Scoperti i batteri intestinali che aiutano a combattere i tumori

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una nuova comprensione su come migliorare l'efficacia e la sicurezza della terapia antitumorale 

I ricercatori hanno scoperto quali batteri intestinali aiutano il nostro sistema immunitario a combattere i tumori cancerosi e come lo fanno. La scoperta potrebbe dare una nuova comprensione sul perché l'immunoterapia, un trattamento per il cancro che aiuta ad amplificare la risposta immunitaria, funziona in alcuni casi, ma non in altri. I risultati mostrano che la combinazione dell'immunoterapia con una terapia microbica specifica aiuta il sistema immunitario a riconoscere e attaccare le cellule tumorali in tre forme di cancro.

I ricercatori dello Snyder Institute for Chronic Diseases presso la Cumming School of Medicine (CSM) di Calgary (Canada) hanno scoperto quali batteri intestinali aiutano il nostro sistema immunitario a combattere i tumori cancerosi e come lo fanno. La scoperta può fornire una nuova comprensione del motivo per cui l'immunoterapia, un trattamento per il cancro che aiuta ad amplificare la risposta immunitaria del corpo, funziona in alcuni casi, ma non in altri. I risultati, pubblicati su Science, mostrano che la combinazione dell'immunoterapia con una terapia microbica specifica aumenta la capacità del sistema immunitario di riconoscere e attaccare le cellule tumorali in alcuni tumori del melanoma, della vescica e del colon-retto.

La dott.ssa Kathy McCoy, direttore dell'International Microbiome Centro presso l'Università di Calgary, è una delle massime esperte sul rapporto del corpo con il microbioma, (l'insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali della totalità dei microrganismi di un ambiente definito ndr). Lei e il suo team si sono prevalentemente concentrati sullo sfruttamento del potere del microbioma per migliorare la salute e curare le malattie. 

"Studi recenti hanno fornito una forte evidenza che il microbiota intestinale può influenzare positivamente l'immunità antitumorale e migliorare l'efficacia dell'immunoterapia nel trattamento di alcuni tumori. Tuttavia, il modo in cui i batteri sono stati in grado di farlo è rimasto sfuggente", afferma McCoy. “Siamo stati in grado di mostrare come alcuni batteri aumentano la capacità dei linfociti T, i soldati dell'immunità del corpo che attaccano e distruggono le cellule cancerose".

In primo luogo, i ricercatori hanno identificato specie batteriche associate a tumori del cancro del colon-retto quando trattate con l'immunoterapia. Lavorando con topi privi di germi, hanno quindi introdotto questi batteri specifici insieme al blocco del checkpoint immunitario, un tipo di immunoterapia contro il cancro. La ricerca ha rivelato che batteri specifici erano essenziali per il funzionamento dell'immunoterapia, tanto che i tumori si sono ridotti, drasticamente. Per quei soggetti che non hanno ricevuto i batteri benefici, l'immunoterapia non ha avuto effetto.

"Abbiamo scoperto che questi batteri producono una piccola molecola, chiamata inosina", afferma il dott. Lukas Mager, ricercatore nel laboratorio McCoy e primo autore dello studio. "L'inosina interagisce direttamente con le cellule T e, insieme all'immunoterapia, migliora l'efficacia di quel trattamento, in alcuni casi distruggendo tutte le cellule tumorali del colon-retto".

I ricercatori hanno quindi convalidato i risultati sia nel cancro della vescica che nel melanoma. I tre batteri benefici associati ai tumori nei topi sono stati trovati anche nei tumori negli esseri umani.

"Identificare come i microbi migliorano l'immunoterapia è fondamentale per progettare terapie con proprietà anti-cancro, che possono includere microbici", afferma McCoy. "Il microbioma è una straordinaria raccolta di miliardi di batteri che vivono dentro e intorno a noi ogni giorno. Siamo nella fase iniziale di comprendere appieno come possiamo utilizzare questa nuova conoscenza per migliorare l'efficacia e la sicurezza della terapia antitumorale e migliorare la sopravvivenza dei malati di cancro e il loro benessere. "

Ultima modifica il Lunedì, 24 Agosto 2020 11:21

bianco.png