Giovedì, 23 Settembre 2021 10:13

Ricerca. L'Università della Florida guida la ricerca sul cancro

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

I ricercatori del Wertheim College of Medicine stanno lavorando sulla premessa che una comprensione più profonda del ruolo degli zuccheri nello sviluppo e nella progressione del cancro porterà a trattamenti e cure migliori

Alcuni dei più importanti studi sul cancro al mondo sono in corso presso la FIU, (Florida International University).

Infatti i ricercatori della FIU presso il dipartimento di medicina (Herbert Wertheim College of Medicine), stanno studiando teorie in evoluzione che condividono un'unica premessa: una comprensione più profonda del ruolo che gli zuccheri svolgono nello sviluppo e nella progressione del cancro per realizzare trattamenti migliori e cure mirate.

Mentre la maggior parte delle persone che sentono la parola "zucchero" pensano solo al suo ruolo nell'alimentazione o nel diabete, medici e scienziati stanno arrivando alla conclusione che le strutture che comprendono catene di molecole di zucchero influenzano in modo critico tutti gli aspetti della salute e delle malattie umane.

La FIU ha istituito un nuovo Istituto di glicobiologia traslazionale, che il rettore e il vicepresidente esecutivo Kenneth G. Furton hanno recentemente approvato per la designazione del centro del Consiglio dei governatori della Florida, che ha già guadagnato l'attenzione per i suoi studi all'avanguardia. Solo una manciata di laboratori di glicobiologia ― che studiano in modo specifico la struttura, la funzione e la biologia degli zuccheri, detti anche glicani hanno ricevuto finanziamenti federali negli Stati Uniti e, sorprendentemente, tre di loro fanno parte dell'Istituto presso la FIU.

Il National Institutes of Health National Cancer Institute ha assegnato a tre ricercatori della FIU importanti finanziamenti per la ricerca sulla glicobiologia del cancro.

I glicani sono zuccheri complessi sulla superficie delle cellule che, in passato, sono stati difficili da studiare. Grazie ai progressi della scienza e della tecnologia, i ricercatori sanno che i cambiamenti nella struttura dei glicani, o anche un cambiamento nel loro numero, possono guidare lo sviluppo del cancro. Riconoscono anche che alcuni glicani sono marcatori per la crescita del tumore. Queste scoperte hanno permesso di sviluppare terapie trasformative.

Questa nuova attività di ricerca e l'enfasi sulla scienza traslazionale - lavoro di ricerca direttamente collegato alla creazione di terapie e procedure mediche del mondo reale - è guidata dal Dr. Robert Sackstein, ricercatore biomedico arrivato alla FIU da Harvard nel 2019.

"La FIU sta facendo un enorme investimento nello sviluppo di questo programma di ricerca", ha affermato Sackstein. “Si tratta di un approccio lungimirante e progressivo per aiutare i pazienti bisognosi. Sebbene i nostri laboratori abbiano obiettivi diversi, ci completiamo a vicenda. Volevamo studiare i diversi tumori che coprono l'intero corpo in modo da poter capire come i glicani visualizzati sulle cellule all'interno dei vari tessuti alimentano lo sviluppo del cancro e controllano la capacità del cancro di metastatizzare".

L'Istituto ha attualmente più di 22 ricercatori che lavorano nei suoi laboratori all'avanguardia e 14 membri associati che lavorano in attività collaborative in altri istituti di ricerca della Florida che si stanno concentrando prevalentemente sui tumori che affliggono il cervello, i polmoni, il tratto gastrointestinale, il sistema riproduttivo, il sangue e la pelle.

Grandi aspettative sono riposte su scienziati come Karen Abbott, direttore associato dell'istituto, il cui lavoro pionieristico nell'area dei tumori ovarici e di altri tumori riproduttivi ha portato allo sviluppo di un anticorpo che prende di mira i glicani sulle cellule del cancro ovarico. Sta anche lavorando all'utilizzo di questo anticorpo come test di biomarcatore per rilevare il cancro ovarico attraverso un esame del sangue. "Riunire le nostre risorse, i protocolli e la formazione ci dà una sinergia", ha detto della natura collaborativa dell'Istituto. "Portiamo prospettive diverse a un problema, il cancro, e miglioriamo la ricerca reciproca".

Charles Dimitroff, collega di Sackstein ad Harvard, è direttore dell'Istituto. Porta con sé anni di lavoro concentrato sul cancro del colon-retto e della prostata, leucemia, melanoma e immunoterapia. "Poiché i nostri strumenti e metodi sono migliorati, abbiamo avuto un impatto positivo sulle nostre conoscenze sul cancro", ha precisato. “Quando ho iniziato la mia carriera, curare il cancro era davvero un pensiero assurdo. Ora, un centro come il nostro può dare lo slancio necessario per sviluppare cure concrete per le malattie umane".

"Questa è una lotta contro una malattia che causa immense sofferenze ed è la seconda causa di morte nel mondo", ha detto Sackstein. “L'Istituto sta crescendo rapidamente e si muove a un ritmo come nessun'altra struttura per salvare più vite possibili. Questo è il nostro obiettivo":

bianco.png