Sabato, 27 Novembre 2021 12:26

Facebook verso il metaverso: Mark Zuckerberg investe miliardi nella tecnologia del futuro

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sarà l'ennesimo passo verso nuove tecnologie. E gli investimenti verso questo mondo tecno dispotico non mancano.

Insomma il metaverso, definito più semplicemente come un mondo virtuale in cui le persone potranno socializzare, lavorare, giocare e anche lavorare, è quella tecnologia in cui il CEO di Facebook sta investendo trilioni di dollari.

Sebbene "metaverso" sia diventato una parola d'uso comune, dopo che Facebook ha cambiato il nome dell'azienda in "Meta", molte persone stanno ancora cercando di capire cosa sia esattamente il metaverso e se il concetto tecnologico futuristico che esprime sia qualcosa da prendere davvero sul serio.
Alcuni infatti affermano che il metaverso potrebbe incidere negativamente sulle pubbliche relazioni, contribuendo a danneggiare la salute mentale degli adolescenti, facilitare la diffusione della disinformazione e alimentando la polarizzazione politica.

rerer.jpg

Preoccupazione che anche alcuni dipendenti di Facebook avrebbero espresso.
D'altro canto l'idea di Facebook non è la sola: molte altre aziende , come Roblox, Nvidia e Microsoft hanno anche costruito mondi virtuali con la tecnologia della realtà virtuale o aumentata. E altri sottolineano quanto sia poco sviluppata la tecnologia: nella versione del metaverso che Facebook ha costruito finora, gli avatar digitali che offre come sostituti per i nostri corpi fisici sono da cartone animato, goffi e spesso senza gambe.

Tuttavia, al di là delle critiche, l'investimento di Facebook nel metaverso è qualcosa che dovremmo prendere sul serio. Mark Zuckerberg vede il metaverso come il "successore di Internet mobile", un'invenzione che ha rimodellato tutte le nostre vite permettendoci di andare online ovunque e ha reso possibile l'esistenza dell'attuale attività di Facebook. Se il metaverso diventasse tutto ciò che Zuckerberg ipotizza, potrebbe allo stesso modo scuotere il mondo, spostando la nostra esistenza dall'essere radicata nel mondo fisico a quella in cui la nostra presenza digitale integra sempre più quella reale.

In risposta alle preoccupazioni sul metaverso, Facebook, che recentemente si è ribattezzato Meta, ha fatto sapere che "Meta non costruirà, possiederà o eseguire il metaverse da solo. Stiamo iniziando conversazioni sulla nostra visione per il metaverso in anticipo, prima ancora che alcune delle tecnologie esistano ... Ne stiamo discutendo ora per garantire che tutti i termini di utilizzo, i controlli sulla privacy o le funzionalità di sicurezza siano appropriati alle nuove tecnologie ed efficaci nel proteggere le persone".

Il management di Facebook ha aggiunto che non vuole essere l'unico a sviluppare il metaverso. “Questo non sarà compito di una sola azienda. Richiederà collaborazione in tutto il settore e con esperti, governi e autorità di regolamentazione per farlo bene". Insomma l'azienda sta scommettendo molto sul successo di questo concetto e per questo motivo sta mettendo al lavoro le menti ingegneristiche più brillanti del mondo, acquisendo società di realtà virtuale e realtà aumentata, assumendo oltre 10.000 persone e sostenendo l'iniziativa con decine di miliardi di dollari. E Zuckerberg, che alla fine ha il controllo unilaterale sulla sua azienda, sembra sinceramente entusiasta.

E oggi, Facebook deve ancora operare secondo i parametri stabiliti da Apple e Google, che producono e controllano i sistemi operativi per smartphone dominanti al mondo. Ma in questo nuovo mondo che probabilmente farà affidamento su visori VR/AR e sensori digitali, Facebook sta cercando di creare le proprie regole e la propria piattaforma operativa.

Ma cos'è il metaversometaverse-landscape-glow-800x450.jpg


A livello filosofico, il metaverso, come lo hanno definito Zuckerberg e altri, è un modo per rendere le nostre vite virtuali più integrate con quelle reali.
Sarà "come se fossimo proprio lì con le persone, non importa quanto distanti siano in realtà, saremo in grado di esprimerci in nuovi modi gioiosi e completamente immersivi", ha precisato Zuckerberg durante un suo intervento.
L'idea è quella di creare un Internet più coinvolgente, in cui utilizzeremo tecnologie come AR e VR per trascorrere il nostro tempo impegnandoci in spazi ed esperienze virtuali piuttosto che nel mondo fisico. 

Il termine è stato coniato per la prima volta nel romanzo di fantascienza di Neal Stephenson del 1992 Snow Crash , ma ora Zuckerberg e molti altri dirigenti tecnologici vogliono renderlo realtà.
Matthew Ball, un investitore tecnologico che ha scritto una serie di saggi sul metaverso, lo ha spiegato così: “In questo momento Internet è principalmente qualcosa che si potrebbe definire a spinta. Ovvero, ti vengono inviate informazioni, ricevi un'e-mail, ricevi una notifica, quindi apri il tuo dispositivo per accedervi. La differenza con il metaverso è che è un "motore incarnato" in cui sei "già dentro."

In pratica, questo significa che questo mondo ci libererà dalle nostre realtà fisiche: l'ufficio, il soggiorno, l'aria aperta. Ci collegheremo invece alle nostre cuffie e saremo immersi in un altro ambiente.

A seconda di come lo si veda, ciò potrebbe significare un miglioramento nella vita; l'ambiente circostante o il tuo aspetto fisico possono essere aggiornati virtualmente. Oppure può essere letto come un concetto distopico, come se il metaverso fosse per le persone che stanno fuggendo dalle circostanze del mondo reale (come è stato immaginato nel romanzo Snow Crash ).

Per ora, però, qualsiasi conversazione sul metaverso è in gran parte ipotetica. Facebook è il primo a dire che siamo ancora agli inizi. 

bianco.png