Sabato, 15 Aprile 2017 11:02

Calcio. Ricordando Morosini e la sua umanità

Scritto da

Piermario Morosini aveva venticinque anni quel maledetto 14 aprile di cinque anni fa, oggi ne avrebbe trenta e sarebbe, senza dubbio, un calciatore affermato. Era bravo, umile, dolce, era rimasto un ragazzo della porta accanto nonostante i soldi, la celebrità e le attenzioni dei molti osservatori che ne avevano colto le qualità umane, oltre che quelle atletiche.

Il suo cuore fragile non resse e all'Adriatico di Pescara, poco dopo la metà del primo tempo, il ragazzo si accasciò sul prato e non si rialzò più. Un'immagine sconvolgente che fece il giro del mondo, tanto che Livorno e Vicenza ritirarono per sempre la maglia numero 25 (il numero di Morosini), il Barcellona scese in campo con il lutto al braccio e il mondo del calcio si interrogò a lungo se fosse possibile salvarlo ma anche se fosse giusto che un ragazzo con il cuore tanto debole e con precedenti familiari che avrebbero dovuto far suonare quanto meno qualche campanello d'allarme giocasse a certi livelli. 

A noi, con tutto il rispetto per le vicende giudiziarie, gli accertamenti e le dispute, pur lecite e sensate, cui abbiamo assistito in questi anni, di tutto ciò importa poco o nulla. Ciò che ci interessa è ricordare la squisita persona di Piermario, il suo sorriso, il suo carattere solare, il suo amore per la vita e la sua costante lotta contro tutte le assurdità e le ingiustizie di questo mondo. 

Ci piace ricordare il suo percorso umano e sportivo, la sua disponibilità, il suo essere un punto di riferimento per i compagni e la grande stima che riusciva a guadagnarsi anche da parte degli avversari. 

Ci piace pensare che sia andato a giocare lassù, dunque sia felice, benché avvertiamo il vuoto straziante della sua mancanza. 

E riteniamo giusto ricordarlo e rendergli omaggio, deporre un fiore sulla sua tomba e continuare a giocare, a seguire il calcio e ad amare e credere nello sport e nei suoi valori perché siamo sicuri che lui avrebbe voluto così.

Riposa in pace, piccolo grande uomo.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]